Polizia Postale: false offerte di lavoro on line, sventata una truffa

La Polizia Postale di Pescara ha scoperto e sventato una truffa riguardante falsi annunci di lavoro on line. I falsi siti di intermediazione raggiravano i candidati chiedendo loro 770 sterline

La Polizia Postale di Pescara ha scoperto e sventato l'ennesima truffa on line.

Gli agenti del compartimento pescarese, infatti, hanno evitato che un giovane cadesse nella trappola di alcuni truffatori che gli proponevano un contratto di lavoro con la British Airways.

Il ragazzo si era iscritto ad alcuni siti che si spacciavano per agenzie di intermediazione, per la selezione di candidati per alcuni posti di lavoro di medio/alto livello.

Dopo qualche giorno, aveva ricevuto un'email dalla British Airways, che gli chiedeva di sostenere un colloquio on line per alcuni posti a disposizione.

Dopo aver effettuato il finto colloquio, il giovane ha ricevuto un'email nella quale si sosteneva che era stato scelto dalla compagnia aerea, ricevendo un falso contratto di lavoro con retribuzione di circa 11 mila sterline mensili.

Insieme al contratto, però, aveva ricevuto la richiesta di 770 sterline per la richiesta di permesso di soggiorno nel Regno Unito.

A quel punto il giovane, che aveva fra l'altro seguito un seminario informativo della Polizia Postale sulle truffe via web, si è rivolto agli agenti pescaresi, che gli hanno confermato come tutta la vicenda fosse un raggiro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa non è altro che una delle miriadi di tentativi di truffe che ogni giorno vengono perpetrate ai danni degli inconsapevoli utenti della rete internet, è per questo che il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per l'Abuzzo è continuativamente impegnato nello svolgimento di incontri che a fine preventivo vengono svolti presso le scuole di ogni ordine e grado o su richiesta e in collaborazione con Enti locali, associazioni, università etc. proprio al fine di rendere consapevoli gli ignari "navigatori" dei pericoli che la rete può riservare. " ha sottolineato il dirigente Sorgonà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento