Pescara, usurai minacciano vittima con l'acido: due arresti

Due persone, padre e figlio, sono state arrestate dalla Squadra Mobile di Pescara in quanto accusate di aver minacciato anche con l'acido un uomo che doveva loro dei soldi per un prestito

Hanno minacciato con delle armi e con dell'acido un uomo al quale avevano prestato 10 mila euro, pretendendo in cambio una somma pari a 40 mila euro.

Per questo, due persone, padre e figlio, Grimani Franco e Grimani Davide, sono state arrestate dalla Squadra Mobile con l'accusa di usura, estorsione, rapina e porto abusivo di armi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima, un commerciante di auto originario di Catignano, vista la delicata situazione economica si è rivolto agli arrestati, che oltre ad averlo minacciato gli hanno anche sottratto un orologio del valore di 4 mila euro ed una Smart.Usu1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Coronavirus, morto 58enne pescarese Antonello Bianco: il ricordo del sindaco Masci

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus: morto a Pescara Nicola Marcantonio, proprietario del castello di Cepagatti

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento