menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pescara, tentativo di stupro al Terminal Bus: arrestato 26enne

La Squadra Mobile di Pescara, in collaborazione con la Volante, ha arrestato il responsabile del tentativo di stupro ai danni di una 50enne chietina avvenuto lo scorso 30 ottobre presso il Terminal Bus di Pescara. E' un 26enne romeno

Ha cercato di violentare una 50enne di Chieti al Terminal Bus di Pescara, incurante del passaggio di diverse persone, fra cui tre ragazze che sono riuscite a scongiurare la violenza grazie al loro intervento.

A distanza di 18 giorni (l'episodio è avvenuto il 30 ottobre), il responsabile è stato individuato ed arrestato dalla Squadra Mobile assieme alla Volante.

Si tratta di un romeno di 26 anni, pregiudicato.

Ad incanstrarlo un giubotto rosso, una bicicletta nera, una cicatrice e soprattutto la memoria fotografica di due agenti.

L'uomo, completamente ubriaco, tentò un approccio con la donna, ma quando quest'ultima si rifutò di dargli retta, la aggredì buttandola a terra e minacciandola di morte, cercando di violentarla.

Le tre ragazze che passavano di lì in quel momento hanno iniziato a gridare, provocando la fuga del balordo, fuggito a bordo di una bici nera.

Grazie alle testimonianze dei presenti e della vittima, sono emersi indizi utili che hanno permesso a due agenti, che avevano fermato in un'altra circostanza l'arrestato lungo la strada parco, di collegare i due episodi.

Le generalità e la foto del soggetto sono state poi utilizzate dalla Squadra Mobile, che ha avviato una perquisizione domiciliare, trovando il giubotto rosso e la bici usata per la fuga. Successivamente, l'uomo è stato anche riconosciuto dalla vittima e dai testimoni.

Ora si trova agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti


Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Montesilvanese
    Montesilvanese

    Il problema non è che il ragazzo sia romeno il problema e che era un %censored% di pregiudicato e se ne andava in giro tranquillamente di sicuro perchè la pena gli sarà stata dimezzata, e poi i domiciliari e poi va reintegrato e cazzate del genere...

  • Avatar anonimo di vlad
    vlad

    stupidi italiani,lavatevi la bocca prima di parlare dei romeni,a teramo un italiano ha tentato di ammazzare una donna con 10 coltellate per potergli mangiare i piedi...almeno noi romeni non siamo cannibali

    • A Vlad,se gli italiani so' stupidi tu si' chiu' stupid ancor chi sti quà,arvattn a lu paes a tu ndundì

  • cari Italiani, provate a fare ste cose in romania, vi ammazzano per strada.......ma siamo un popolo cosi di %censored%a????

  • non mi stancherò mai di ripetere, onde evitare sorte peggiori per le nostre Italiane.....VIA sti %censored% di romeni, albanesi , e neri, grazie.........

  • Avatar anonimo di Anonymo
    Anonymo

    i domiciliari nel suo c***o di paese li deve fare. FUORI DALLE P***E

Più letti della settimana

Torna su