Pescara: scoperta società fantasma, evasione fiscale per oltre 700 mila euro

La Guardia di Finanza durante i controlli valutari compiuti in aeroporto ha scoperto l'esistenza di una società pescarese completamente sconosciuta al Fisco

Controlli a tappeto da parte della Guardia di Finanza in aeroporto, per accertare in particolare violazioni riguardanti il transito di valuta con le leggi attuali che consentono un massimo di 10 mila euro per l'esportazione. I controlli hanno riguardato somme complessive pari a 600.000 euro, con sanzioni per circa 2.600 euro per 4 violazioni.

SCOPERTA MAXI EVASIONE FISCALE

L'attività di controllo è stata svolta con gli appositi "cash dog" specializzati nel trovare denaro nei bagagli dei passeggeri in arrivo e in partenza. E proprio grazie ad un'indagine avviata dopo un controllo in aeroporto, è stata accertata l'esistenza di una società pescarese completamente sconosciuta al Fisco, con ricavi per 700 mila euro sottratti alle imposte. Ai soci sono stati contestati pagamenti in contanti per oltre 200.000 mila euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Meteo Abruzzo, avviso della Protezione Civile: venti di burrasca tra domenica e lunedì

  • Pescara calcio

    Serie B: Pescara-Padova 2-0, doppio sigillo di Mancuso e il Delfino vola

  • Politica

    Ricco parterre di vip della politica alle nozze di Alessandro D'Alonzo [FOTO]

  • Cronaca

    Pescara, dramma a San Donato: morto 20enne, è giallo sulla dinamica

I più letti della settimana

  • Botte in strada a Montesilvano, coinvolti anche donne e bambini

  • Tragedia a San Valentino, giovane muore mentre è al volante dell'auto

  • Fugge a un controllo e sperona due auto, arrestato dopo inseguimento a folle velocità [FOTO]

  • Pescara, dramma a San Donato: morto 20enne, è giallo sulla dinamica

  • Veicolo si ribalta dopo tamponamento, autostrada A14 chiusa [FOTO]

  • Pescara, pluriomicida evade durante un permesso premio: arrestato

Torna su
IlPescara è in caricamento