Sorpresi alla guida sotto effetto di alcol e droghe, 7 patenti ritirate in una notte e 6 denunce

Gli agenti, diretti dal vice questore Pietro Primi hanno svolto un mirato servizio con 3 pattuglie e il camper con studio medico mobile

Sono in totale 8 le persone sorprese alla guida di automobili sotto l'effetto di alcol (6) e droghe (2) dalla polizia stradale di Pescara nel corso dei controlli eseguiti la notte scorsa.
Gli agenti, diretti dal vice questore Pietro Primi hanno svolto un mirato servizio con 3 pattuglie e il camper con studio medico mobile.

Con tutte le attrezzature necessarie, il personale del locale ufficio provinciale sanitario della polizia di Stato, diretto dal medico principale Sara Cortese, di recente assegnazione alla Questura di Pescara, ha operato per l’accertamento dello stato di alterazione. 

Sono stati sottoposti gli automobilisti all’alcol test per verificare se avessero assunto alcool oltre il consentito e al test antidroga per verificare se stessero guidando dopo aver assunto sostanze stupefacenti. In totale sono stati verificati 61 mezzi e 142 persone con 12 sanzioni elevate per contravvenzioni al Codice della Strada.
Questo il riepilogo dell'attività svolta:

  • 6 articolo 186 CdS (positivi all’alcool): di cui: 1 amministrativo ( 1 uomo) e 5 penali (3 donne e 3 uomini);
  • 2 articoli 187 CdS (positivi alla sostanze stupefacenti): di cui 1 uomo positivo ai cannabinoidi e 1 uomo positivo alla cocaina;
  • persone positive all’alcool e alle droghe: 2;
  • 7 patenti ritirate;
  • 83 il totale dei punti decurtati;
  • 6 persone denunciate in stato di libertà.

Come fanno sapere dalla polizia stradale, «diverse sono state le giustificazioni proposte, tutte ovviamente respinte, la più fantasiosa è stata quella di un libero professionista pescarese che per giustificare il superamento del limite alcolico rilevato mentre era alla guida della sua auto ha riferito che nel corso della serata in un locale di cui non ricordava il nome ha notato che nel suo drink qualcuno, ma non ricordava chi, aveva messo una pillola che sicuramente era responsabile del superamento del limite. All’osservazione del perché avesse comunque bevuto il drink replicava che non ne ricordava il motivo. 

Vale la pena ricordare che le sanzioni per la guida in stato di ebrezza sono elevate: in proporzione alla percentuale di alcool rilevata, si va da un minimo di 544 euro a un massimo di 5797 euro (con decurtazione di 10 punti patenti) se il tasso è inferiore a 0.8 g/l e con l’arresto da 6 mesi e l’ammenda da 800 euro a 6000 euro se superiore. Mentre per guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti o psicotrope è previsto l’arresto da 6 mesi ad 1 anno e l’ammenda da 1500 euro a 6000 euro. In entrambi i casi è prevista la sospensione della patente di guida.

La Polizia Stradale consiglia di non mettersi alla guida dopo aver assunto alcool. La risposta all’assunzione di alcool varia da soggetto a soggetto e anche per la stessa persona in base al suo stato nell’arco delle 24 ore o alla contemporanea assunzione di medicinali. Un esempio indicativo di quanto attendere prima di mettersi alla guida potrenne essere il seguente:

quanto si deve aspettare prima di guidare dopo aver bevuto polizia stradale-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento