Realizza e vende copie di opere del Pistoletto: condannato gallerista pescarese

Cesare Manzo è stato condannato dal tribunale monocratico di Pescara a 2 anni e 2 mesi per aver riprodotto e venduto copie delle opere del noto artista biellese

Condanna di 2 anni e 2 mesi per Cesare Manzo, noto gallerista d'arte pescarese accusato di aver riprodotto, contraffatto e venduto opere dell'artista Michelangelo Pistoletto della collezione "Frattali". La condanna è stata decisa dal tribunale monocratico di Pescara.

Manzo dovrà risarcire anche l'autore. Sarabbero un centinaio le riproduzione vendute e sequestrate in Italia fra il 2011 ed il 2016. Tre opere furono rinvenute nel 2016 proprio nella galleria pescarese di Manzo. Pistoletto nel 2000 aveva esposto a Pescara, e su richiesta del gallerista realizzò un'altra quindicina di opere tutte autenticate. Successivamente però le opere spacciate per originali diventarono molte di più.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Terminator
    Terminator

    Altro che Manzo, questo l'è un pistola!!!

Notizie di oggi

  • Calcio a 5

    L'AcquaeSapone vince la prima finale al Palaroma, Pesaro battuto 7-2

  • Economia

    Aperto il mercato etnico della stazione, via alle vendite [FOTO]

  • Teatro

    'Funambolika' a Pescara dal 22 giugno al 5 luglio, il programma completo

  • Concerti

    Vinicio Capossela a Pescara in concerto con “Ballate per uomini e bestie”, ecco quando

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pescara, uomo precipita dal quarto piano [FOTO]

  • Incendio a Villa Serena, morti due pazienti

  • Il ministro della Difesa, Trenta, a Pescara: "Prefetto dichiari stato di emergenza, militari in strada"

  • «Ho subìto un agguato a Pescara dall'aggressore mostrato da "Chi l'ha visto"», il racconto di una ragazza

  • Incendio a Villa Serena: i due pazienti sono morti carbonizzati

  • Allarme bomba, vigili del fuoco e carabinieri in azione a Marina di Città Sant'Angelo [FOTO-VIDEO]

Torna su
IlPescara è in caricamento