Omicidio Russo, indagini concluse: contestata anche l'aggravante della crudeltà a Mucciante

L'uomo venne ucciso a coltellate lo scorso 25 aprile nel garage sotterraneo di un palazzo all'angolo tra via del Circuito e via Pian delle Mele a Pescara

Sono terminate, con la firma dell'avviso di conclusione, le indagini relative all'omicidio di Salvatore Russo.
L'uomo venne ucciso a coltellate lo scorso 25 aprile nel garage sotterraneo di un palazzo all'angolo tra via del Circuito e via Pian delle Mele a Pescara.

A commettere l'omicidio, reato per il quale è accusato, fu il reo confesso Roberto Mucciante.

A Mucciante, il Pm (pubblico ministero) della Procura di Pescara contesta, oltre ai futili motivi, anche l'aggravante della crudeltà. Mucciante, 51 anni, all'epoca dei fatti «era affetto da una patologia psichiatrica», spiega Massimo Di Giannantonio, il perito nominato dal giudice, alcune settimane fa in sede di incidente probatorio, «che ne ha compromesso grandemente la capacità di autodeterminarsi».

Una circostanza che potrebbe indurre il giudice, in caso di rinvio a giudizio, a dichiarare la non punibilità dell'imputato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale di Pescara diagnosi in 3 minuti per le polmoniti da Covid19 grazie ad un software donato da Petruzzi

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Torna troppo tardi a casa dallo studio, avvocato multato di 550 euro dalla Guardia di Finanza

  • Morto Remo Corneli, Acqua&Sapone Unigross calcio a 5 in lutto

  • Coronavirus, morta suor Matilde Celi: era Madre Superiora dell'Istituto Madre Pie Filippini in via del Santuario

  • Coronavirus, prorogate fino al 13 aprile tutte le zone rosse speciali in Abruzzo

Torna su
IlPescara è in caricamento