Omicidio Russo, indagini concluse: contestata anche l'aggravante della crudeltà a Mucciante

L'uomo venne ucciso a coltellate lo scorso 25 aprile nel garage sotterraneo di un palazzo all'angolo tra via del Circuito e via Pian delle Mele a Pescara

Sono terminate, con la firma dell'avviso di conclusione, le indagini relative all'omicidio di Salvatore Russo.
L'uomo venne ucciso a coltellate lo scorso 25 aprile nel garage sotterraneo di un palazzo all'angolo tra via del Circuito e via Pian delle Mele a Pescara.

A commettere l'omicidio, reato per il quale è accusato, fu il reo confesso Roberto Mucciante.

A Mucciante, il Pm (pubblico ministero) della Procura di Pescara contesta, oltre ai futili motivi, anche l'aggravante della crudeltà. Mucciante, 51 anni, all'epoca dei fatti «era affetto da una patologia psichiatrica», spiega Massimo Di Giannantonio, il perito nominato dal giudice, alcune settimane fa in sede di incidente probatorio, «che ne ha compromesso grandemente la capacità di autodeterminarsi».

Una circostanza che potrebbe indurre il giudice, in caso di rinvio a giudizio, a dichiarare la non punibilità dell'imputato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Porta Nuova: giovane si suicida nella sua abitazione

  • Uomo di Montesilvano si lancia dal viadotto Cerrano e muore dopo volo di 90 metri, tragedia in autostrada

  • Scontro frontale auto-scooterone: tre feriti, due sono gravi [FOTO]

  • Incidente sull'asse attrezzato Chieti-Pescara: scontro tra veicoli, due feriti

  • Poliziotto aggredito a calci e pugni mentre effettuava un controllo sulla strada parco

  • Incidente all'alba a Catignano: scontro auto - moto, un morto

Torna su
IlPescara è in caricamento