Omicidio Russo, inchiesta chiusa: chiesto il processo per Mucciante

A richiedere il processo, con le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi, è stato il sostituto procuratore Luca Sciarretta

Si è conclusa l'inchiesta della Procura di Pescara relativa all'omicidio di Salvatore Russo di cui è accusato il vicino di casa Roberto Mucciante 51 enne reo confesso delle 38 coltellate letali inferte nel garage del palazzo all'incrocio tra via del Circuito e via Pian delle Mele lo scorso 25 aprile. 

A richiedere il processo, con le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi, è stato il sostituto procuratore Luca Sciarretta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla base della perizia effettuata dallo psichiatra nominato dal giudice, Massimo Di Giannantonio, Mucciante all'epoca dei fatti era parzialmente incapace di intendere e di volere, poiché «affetto da una patologia psichiatrica che ne ha compromesso grandemente la capacità di autodeterminarsi». 
La famiglia della vittima è assistita dagli avvocati Andrea Cocchini e Alessandro Dioguardi, mentre l'imputato è difeso dagli avvocati Gianluigi Amoroso e Clara Di Sipio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Abruzzo, torna a salire il numero dei morti: 8 nuovi decessi, 3 sono del Pescarese

  • Rispetto delle misure anti coronavirus, l'Abruzzo è tra le regioni più virtuose

  • Distrugge auto a bastonate e minaccia di morte il proprietario, violenta lite a Montesilvano [FOTO]

  • Coronavirus, altre cinque vittime in Abruzzo: tre sono del Pescarese

  • Coronavirus, Marsilio estende la zona rossa speciale anche all'area vestina: i comuni interessati

  • Meteo, in arrivo freddo e neve a quote basse: le previsioni per Pescara e l'Abruzzo

Torna su
IlPescara è in caricamento