È morta Mirella Mattioli, la storica edicolante di corso Umberto I-piazza Sacro Cuore [FOTO]

Molto conosciuta per via della sua attività che gestiva da 45 anni, Mirella si è spenta dopo una lunga malattia all'età di 66 anni

È morta Mirella Mattioli, storica edicolante di corso Umberto I all'altezza di piazza Sacro Cuore. Molto conosciuta nella zona, si è spenta all'età di 66 anni dopo una lunga malattia. Gestiva l'attività da 45 anni avviata dal marito Franco Felizzi e dove da qualche tempo è subentrata la loro figlia Fabrizia, ingegnere fisico.

La donna ha visto negli anni e decenni mutare la città, le sue abitudini, ha assistito ad eventi e visite importanti come quella del Papa nel 1977, mantenendo viva un'attività nonostante la crisi generale del settore causata soprattutto negli ultimi anni dalla diffusione di internet e dell'ecommerce, grazie alla sua simpatia, allegria e sorriso che dispensava per tutti i suoi clienti, dal turista di passaggio all'abitudinario della zona.

I funerali si terranno alle 15,30 di oggi nella chiesa di Sant'Antonio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

mirella mattioli-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Città Sant'Angelo, morta una bimba di 3 mesi e mezzo

  • Violenta rissa in via Rimini a Montesilvano con una ventina di persone coinvolte, 2 feriti [FOTO]

  • Sequestrate 10 auto nel parcheggio interno dell'aeroporto: l'assicurazione era scaduta

  • "Cambio moglie" su canale Nove con una coppia di Pescara, il video della puntata

  • Titolare ubriaco di un locale della movida finisce nei guai: insulta e minaccia i poliziotti durante i controlli

  • Coronavirus Abruzzo: un solo nuovo caso, raddoppiano i pazienti in terapia intensiva

Torna su
IlPescara è in caricamento