Morte Marina Angrilli, il racconto di un testimone: "Ecco cosa ho visto"

Parla un medico che abita nella stessa palazzina di Chieti dalla quale è precipitata la signora. E' stato lui a prestarle i primi soccorsi. Intanto sono in corso le autopsie sui corpi della donna e di sua figlia Ludovica. Ieri è stato eseguito l'esame su Fausto Filippone

Fausto Filippone e Marina Angrilli in un momento felice

Sono in corso all'obitorio di Chieti le autopsie sui corpi di Marina Angrilli e di sua figlia Ludovica Filippone. Ieri invece era stata eseguita l'autopsia su Fausto Filippone, che ha confermato la morte sul colpo per l'impatto a terra dopo il volo di 40 metri dal viadotto Alento della A14. Per i risultati degli esami tossicologici bisognerà attendere l'esito delle analisi di laboratorio sui campioni prelevati.

Filippone si è suicidato domenica scorsa, poche ore dopo aver lanciato nel vuoto la figlia di dieci anni, Ludovica, dallo stesso viadotto; la moglie Marina era invece morta la mattina dopo essere precipitata dal balcone di un appartamento a Chieti, di proprietà del marito.

Intanto emerge la testimonianza di chi ha soccorso la Angrilli nel primo atto di questa tragedia. "Intorno a mezzogiorno ho sentito un urlo straziante e poi un tonfo": queste le parole di Giuliano Salvio, un medico che abita nella stessa palazzina di Chieti dalla quale è precipitata Marina Angrilli. Salvio, parlando con il Corriere della Sera, racconta di avere visto la donna a terra e di avere tentato di soccorrerla:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non c'era nessuno intorno a lei, solo dopo qualche minuto è arrivato quell'uomo, era molto nervoso, farfugliava, si teneva le mani tra i capelli e ripeteva: che sciagura, è caduta dal secondo piano, lei è mia moglie. Però restava sempre a qualche metro di distanza, malgrado lei perdesse molto sangue. Poi, mentre aspettavamo l'ambulanza, è venuto da me con il cellulare in mano e mi ha detto: 'Ti lascio questo numero, io devo andare a prendere mia figlia'. Un po' insolito, per un marito a cui è appena caduta di sotto la moglie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Paura sul ponte Flaiano, giovane minaccia di lanciarsi nel vuoto

  • Tragedia a Scafa: schianto mortale per un motocilista lungo la sp63

  • Autostrada A14 nel caos, 8 km di coda prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

  • Collecorvino, moto contro auto: giovane trasportato in elicottero a Pescara

  • Assembramenti e mancato rispetto della normativa anti-Covid, un bar e uno stabilimento chiusi per 5 giorni

Torna su
IlPescara è in caricamento