Marina Angrilli, l'autopsia conferma: è stata uccisa

L'autopsia condotta sul corpo della donna dal medico legale ha confermato l'ipotesi dell'omicidio. Le lesioni riscontrate non sono compatibili con una caduta accidentale

Nè suicidio nè caduta accidentale. Marina Angrilli è stata spinta volontariamente. E' quanto emerge dai primi dettagli sull'autopsia condotta ieri sul cadavere dell'insegnante pescarese, trovata morta dopo un volo dal secondo piano della palazzina di Chieti Scalo dove si trovava assieme al marito in un appartamento di loro proprietà.

Quanto si temeva fin da domenica, durante quelle terribili ore in cui Filippone era aggrappato al cavalcavia, è stato confermato. Le lesioni riportate dalla donna sono incompatibili sia con una caduta accidentale sia con un suicidio, anche le traiettorie disegnate dalla Polizia Scientifica non lascerebbero margini di dubbio.

UN TESTIMONE: "ECCO COSA HO VISTO"

D'altronde, le testimonianze raccolte fra i primi soccorritori del 118 arrivati sul posto ed un inquilino del palazzo facevano intendere che Filippone aveva un comportamento anomalo per una tragedia simile. Rimaneva a distanza dal corpo, non cercava di prestare soccorso alla moglie e soprattutto ha inventato varie scuse per potersi allontanare indisturbato e raggiungere la figlia dagli zii.

Ora gli inquirenti dovranno mettere a posto anche un altro importante tassello di questa terribile tragedia: i due omicidi sono stati premeditati, oppure si è trattato di un raptus omicida iniziato all'improvviso? Secondo i familiari della coppia, i due quella mattina dovevano uscire per andare a comprare la lavatrice, e molto raramente si recavano in quell'appartamento di Chieti Scalo, soprattutto Marina. Filippone dunque aveva già pianificato l'eliminazione della moglie cambiando il programma della giornata?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto i funerali della famiglia Filippone potrebbero essere separati: non è detto infatti che ci sarà un unico rito funebre per Marina, Ludovica e Fausto. Saranno le rispettive famiglie a decidere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale di Pescara diagnosi in 3 minuti per le polmoniti da Covid19 grazie ad un software donato da Petruzzi

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Torna troppo tardi a casa dallo studio, avvocato multato di 550 euro dalla Guardia di Finanza

  • Morto Remo Corneli, Acqua&Sapone Unigross calcio a 5 in lutto

  • Coronavirus, morta suor Matilde Celi: era Madre Superiora dell'Istituto Madre Pie Filippini in via del Santuario

  • Coronavirus, prorogate fino al 13 aprile tutte le zone rosse speciali in Abruzzo

Torna su
IlPescara è in caricamento