Cerca di separare i genitori che litigano ma spinge il padre che cade e muore

La vittima è un anziano di 73 anni che è stato trasportato con profonde ferite alla testa al pronto soccorso dal figlio stesso

Tragedia familiare la notte scorsa a Silvi Marina dove un uomo di 46 anni, nel tentativo di separare i genitori che stavano litigando, ha spinto il padre che cadendo ha battuto la testa ed è morto qualche ora dopo nell'ospedale di Atri.
La vittima è un anziano di 73 anni che è stato trasportato con profonde ferite alla testa al pronto soccorso dal figlio stesso.

I tentativi di rianimare il 73enne da parte dei medici non hanno ottenuto l'esito sperato a causa del profondo trauma cranico.

Nella casa dove il fatto è avvenuto sono intervenuti i carabinieri ai quali il 46enne ha riferito di essere intervenuto al primo piano dell'abitazione dove vive con i genitori. Dopo essersi accorto che il padre stesse aggredendo la madre, durante uno dei tanti litigi tra i due, è intervenuto a difesa della mamma. Avrebbe poi afferrato il papà dal collo sbattendogli la testa contro un tavolo, provocando le ferite. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari dell'Arma, che si occupano di ricostruire i dettagli della vicenda, hanno fermato il 46enne che, per ora, risulta indagato per omicidio preterintenzionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Controlli nelle case per verificare se si è residenti: "Non aprite la porta, è una truffa"

  • Coronavirus in Abruzzo, calano i contagi: 52 nuovi casi, i dati aggiornati

  • Coronavirus, altre cinque vittime in Abruzzo: tre sono del Pescarese

  • All'ospedale di Pescara diagnosi in 3 minuti per le polmoniti da Covid19 grazie ad un software donato da Petruzzi

  • Coronavirus, impennata di guariti in Abruzzo: 38 pazienti hanno superato il Covid-19 nelle ultime ore

  • Coronavirus, il medico Staffilano: "Attenzione ai primi sintomi cardiologici post malattia”

Torna su
IlPescara è in caricamento