Libia: striscioni di Casapound a Pescara contro il Governo

Casapound ha voluto criticare il Governo in merito alla questione della Libia e di Lampedusa con alcuni striscioni in città. "'L'Europa muore a Tripoli, l'Italia muore a Lampedusa"

Casapound ha voluto criticare il Governo in merito alla questione della Libia e di Lampedusa con alcuni striscioni in città. "L'Europa muore a Tripoli, l'Italia muore a Lampedusa".

Il movimento ha esposto gli striscioni nei pressi della stazione centrale e lungo la circonvallazione, ed ha definitio vergognoso il comportamento del Governo e dell'Ue in merito alla questione della guerra della Libia e alla gestione dell'esodo dei profughi.

"Le strade di Pescara questa mattina sono stati invase da centinaia di cartoline di Lampedusa: volantini che raffigurano l'isola com'è oggi, non ancora la Portofino di cui parla Berlusconi, ma terra di caos e tomba di tutte le false e ipocrite speranze sulla logica dell''accoglienza'', della ''convivenza'' e del ''pacifismo'' a comando." si legge in una nota di Casapound.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Montesilvano, giovane donna stroncata da infarto a soli 34 anni

  • Come allontanare le cimici da casa ed evitare un’invasione

  • Funerali Astrid Petrella a Montesilvano, in centinaia per l'addio alla giovane donna e mamma

  • Incidente sull'asse attrezzato, carambola tra 3 veicoli: un ferito [FOTO]

  • Blitz delle forze dell'ordine in contrada Giardino a Montesilvano Colle [FOTO]

  • Uomo ritrovato morto in casa a Montesilvano

Torna su
IlPescara è in caricamento