Arrestato l'automobilista che ha investito una 14enne a Popoli

Il conducente del Fiat Doblò che sabato scorso ha travolto una ragazzina lungo la Tiburtina, attualmente in prognosi riservata, è finito in manette

Scatta l'arresto per il conducente del Fiat Doblò che sabato scorso 22 febbraio ha investito una ragazzina di 14 anni a Popoli, lungo la Tiburtina. La ragazza è attualmente in prognosi riservata dopo che le sue condizioni iniziali erano critiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

14ENNE INVESTITA A POPOLI

L'investitore infatti è stato tratto in arresto, con la misura dei domiciliari, per lesioni personali stradali gravissime. Nelle prossime ore si conosceranno anche gli esiti dei test alcolemici che, indipendentemente dall'esito, non scagionano del tutto l'automobilista, ancora fortemente provato dall'accaduto. I carabinieri della compagnia diretta dal capitano Savini stanno ricostruendo l'accaduto per capire se si sia trattata di imprudenza, distrazione o fattori esterni. La posizione dell'uomo sotto accusa potrebbe mutare e alleggerirsi qualora la minorenne dovesse completamente ristabilirsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento