Hotel Rigopiano, il responsabile della struttura: "Mai chiesto al Comune di pulire l'area"

Bruno Di Tommaso, legale rappresentante dell'Hotel Rigopiano, è stato interrogato oggi nell'ambito del processo riguardante il crollo della struttura

Ha smentito le parole del sindaco di Farindola Lacchetta, dichiarando di non aver mai chiesto al Comune di inviare mezzi per pulire il piazzale dell'Hotel Rigopiano, che veniva sempre sgomberato da un bobcat privato. È quanto dichiarato da Bruno Di Tommaso, legale rappresentante della struttura che è stato interrogato questa mattina dai carabinieri forestali nell'ambito dell'inchiesta per peculato aperta dalla Procura.

NUOVA INCHIESTA SULL'HOTEL RIGOPIANO

Alcuni messaggi attesterebbero però le richieste di mezzi spazzaneve già nel dicembre 2014 e gennaio 2015, quando il sindaco Lacchetta inviò i mezzi davanti al resport. Di Tommaso ha confermato lo scambio di messaggi ribadendo però di non aver mai chiesto l'invio di mezzi spazzaneve che sarebbero invece stati inviati dal sindaco come sua iniziativa personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento