Giovane straniero aggredito in strada a Pescara da un "branco" di otto ragazzi: "Porti il Covid"

Ancora un episodio di violenza in strada a Pescara che vede come protagonisti dei giovani

Nuovo episodio di violenza in strada a Pescara. Nella notte fra sabato 27 e domenica 28 giugno, infatti, una coppia di giovani stranieri è stata avvicinata da un gruppo di otto ragazzi sul lungomare nord. Inizialmente erano solo in due i giovani che si sono avvicinati, ma poi sono diventati otto ed hanno iniziato ad insultarli urlando "Stranieri di m... voi ci portate il Covid". La situazione è poi degenerata con il ragazzo che è stato colpito con calci e pugni e la giovane invece avrebbe riportato solo un forte spavento e qualche escoriazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi sono stati trasportati in pronto soccorso per le cure del caso. Sul posto è intervenuta la polizia che sta indagando per identificare il branco. Ricordiamo che giovedì 25 giugno un ragazzo molisano omosessuale era stato aggredito e pestato sempre da un gruppo di giovanissimi in centro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Scontro frontale auto-scooterone: tre feriti, due sono gravi [FOTO]

  • Scontro frontale tra auto e scooterone vicino all'aeroporto: gli aggiornamenti

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Poliziotto aggredito a calci e pugni mentre effettuava un controllo sulla strada parco

Torna su
IlPescara è in caricamento