Foto pedopornografiche sulla piattaforma Kik: perquisizioni anche a Pescara

L'operazione, condotta dalla Polizia Postale del Veneto, ha coinvolto anche Pescara dove sono state eseguite delle perquisizioni e sequestri di materiale pedopornografico

Coinvolge anche Pescara l'operazione condotta dalla Polizia Postale e Telecomunicazioni “Veneto” e riguardante la detenzione e la condivisione di materiale pedopornografico. Sono state infatti indagate 10 persone su tutto il territorio italiano con perquisizioni e sequestri di foto anche a Pescara. Lo scambio del materiale avveniva attraverso la piattaforma di messaggistica Kik.

Uno degli indagati è minorenne, mentre un 22 di Vicenza ed un 47enne di Alessandria sono stati arrestati. Le altre province coinvolte sono Vicenza, Roma, Bari, Agrigento, Cremona, Alessandria e Venezia. Sequestrati numerosi dispositivi informatici utilizzati per archiviare le immagini ed i video e condividerli con altri utenti a conferma del coinvolgimento diretto di quasi tutti i soggetti indagati nel giro di scambio del materiale ritraente minori nudi o coinvolti in atti sessuali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Montesilvano

    Montesilvano, trovato cadavere in mare

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Prati, scontro fra tre auto: un ferito

  • Cronaca

    Cugnoli, paura per un fornello lasciato acceso: fiamme in un appartamento

  • Economia

    Mercato di Porta Nuova, Confcommercio: "Notevole danno per gli operatori"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pescara, uomo precipita dal quarto piano [FOTO]

  • Incendio a Villa Serena, morti due pazienti

  • Il ministro della Difesa, Trenta, a Pescara: "Prefetto dichiari stato di emergenza, militari in strada"

  • «Ho subìto un agguato a Pescara dall'aggressore mostrato da "Chi l'ha visto"», il racconto di una ragazza

  • Incendio a Villa Serena: i due pazienti sono morti carbonizzati

  • Paura a Montesilvano, cane sbranato da un pitbull

Torna su
IlPescara è in caricamento