Finanziere aggredito a morsi nell'area di risulta, arrestato un giovane evaso da Napoli

Vittima dell'aggressione è stato un finanziere della Squadra Cinofili del Gruppo di Pescara

Un giovane di nazionalità nigeriana di 24 anni è stato tratto in arresto ieri, martedì 2 luglio, dalla Guardia di Finanza dopo che lo stesso ha aggredito e ferito un militare nel corso di un normale controllo antidroga.
Vittima dell'aggressione è stato un finanziere della Squadra Cinofili del Gruppo di Pescara.

Il 24enne è stato fermato dalle Fiamme Gialle nella zona del piazzale antistante la stazione centrale dopo la segnalazione del cane antidroga. 

Il ragazzo, dopo essere stato invitato più volte a esibire un documento di riconoscimento nonché un valido titolo di soggiorno sul territorio nazionale, ha erò subito manifestato verso i militari un atteggiamento ostile e a tratti minaccioso, che è sfociato, poco dopo, in una vera e propria aggressione nei confronti di uno di essi, che è stato morso a un polso, provocandogli una ferita che è stata in seguito medicata al pronto soccorso e giudicata guaribile in 7 giorni.

Il 24enne è stato poi accompagnato in caserma per gli accertamenti dai quali è emerso come, a suo carico, ci fossero numerosi precedenti penali per reati contro la persona, contro il patrimonio e contro la pubblica amministrazione e che si trovava a Pescara in violazione di una misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dall’Autorità Giudiziaria di Napoli nei suoi confronti. 

Per questa ragione è stato arrestato per i reati di violenza e resistenza a un pubblico ufficiale nonché per il reato di evasione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’attività posta in essere dalle Fiamme Gialle", fanno sapere dal Comando Provinciale, "dimostra ancora una volta quanto elevata sia l’attenzione al controllo del territorio, soprattutto nelle zone maggiormente a rischio della città e della provincia di Pescara, ove le pattuglie operano quotidianamente in ottica sia preventiva che repressiva delle condotte illecite più frequenti (spaccio di sostanze stupefacenti, vendita di prodotti con marchi contraffatti, ecc.)".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

  • Tragedia a Città Sant'Angelo, morta una bimba di 3 mesi e mezzo

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Febbo rassicura il settore dei giochi e scommesse: "Dalla conferenza Regioni è arrivato l'ok alla riapertura"

  • Sequestrate 10 auto nel parcheggio interno dell'aeroporto: l'assicurazione era scaduta

Torna su
IlPescara è in caricamento