Discarica di Bussi: il 18 marzo udienza in Cassazione

In primo grado la vicenda per i 19 imputati (tutti ex dirigenti e tecnici in vario modo legati a Montedison) si era conclusa con l'assoluzione perchè il fatto non sussiste dal reato di avvelenamento delle acque

E' stata fissata al 18 marzo, davanti alla prima sezione della Corte di Cassazione, l'udienza riguardante la mega discarica di rifiuti tossici, rinvenuta nel marzo 2007, a Bussi sul Tirino.

In primo grado la vicenda per i 19 imputati (tutti ex dirigenti e tecnici in vario modo legati a Montedison), per i quali i pubblici ministeri di Pescara, Anna Rita Mantini e Giuseppe Bellelli, avevano chiesto condanne che andavano tra i 12 anni e 8 mesi e i 4 anni, si era conclusa con l'assoluzione perche' il fatto non sussiste dal reato di avvelenamento delle acque, mentre per il disastro ambientale derubricato da doloso in colposo era stato dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione.

Il ricorso dei pm pescaresi in Cassazione per chiedere l'annullamento con rinvio della sentenza riguarda tutti gli imputati, tranne Maurizio Piazzardi per cui l'accusa in primo grado aveva chiesto l'assoluzione. L'avvocato Tommaso Navarra, che tutela il WWF Italia, parte civile nel procedimento, commenta:

"Il processo di Bussi perviene al momento decisivo. Dinanzi alla Suprema Corte si porra' il problema di verificare la correttezza o meno dalla derubricazione con conseguente prescrizione del reato principale contestato. Come parte civile abbiamo sostenuto con convinzione le tesi della pubblica accusa e non possiamo in questa sede che confermarlo".

Sugli esiti di quel processo sono stati anche aperti una pratica presso il Consiglio Superiore della Magistratura e un procedimento da parte del Tribunale di Campobasso dopo le rivelazioni pubblicate da Il Fatto Quotidiano nel maggio 2015 per una presunta mancanza di serenita' denunciata al giornale da due delle giurate popolari.

Il delegato Abruzzo del WWF Italia Luciano Di Tizio illustra, invece, i possibili scenari futuri: "Se il ricorso verra' accolto la Cassazione potra' decidere per un rinvio degli atti all'Assise di Chieti che, in diversa composizione, dovra' nuovamente esaminare le carte ed emettere una nuova sentenza. Se invece la Suprema Corte dovesse respingere il ricorso nel merito, ritenendolo non fondato, o giudicandolo in punta di diritto inammissibile, sul processo penale calera' definitivamente il sipario. Ma non purtroppo sulla discarica ne' sui veleni".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Maxi blitz dei Nas nelle farmacie: multe, chiusure e denunce

    • Cronaca

      Centro massaggi trasformato in casa del sesso: due arresti a Montesilvano

    • Cronaca

      Omicidio Rigante, pena dimezzata per Ciarelli: "Non voleva uccidere"

    • WeekEnd

      Tanti appuntamenti nel weekend di Carnevale a Pescara e dintorni

    I più letti della settimana

    • Centro massaggi trasformato in casa del sesso: due arresti a Montesilvano

    • Tragedia a Spoltore: 79enne trovata morta in casa

    • Sporcizia diffusa, irregolarità e carenze igieniche: due ristoranti etnici chiusi dai Nas

    • La rivelazione su Rigopiano: "Tragedia prevedibile con la Carta delle valanghe"

    • Droga destinata alla provincia di Pescara: arresti per 'Ndrangheta anche in Abruzzo

    • Picchia la fidanzata 18enne per gelosia: nei guai giovane pregiudicato pescarese

    Torna su
    IlPescara è in caricamento