Parco D'Avalos e Pineta Dannunziana, un lettore: "Portanuova dimenticata"

Un nostro lettore segnala degrado ed incuria nel Parco D'Avalos e nella Pineta Dannunziana, e si rivolge al sindaco per chiedere maggiore attenzione da parte del Comune anche per la zona sud della città

"Passeggiando per il Parco D'Avalos e la Pineta D'Annunziana, sono rimasto shoccato dall'incuria e dal totale abbandono in cui versano nostri due parchi, cuori pulsanti della nostra città: erbacce (tra cui alcune altissime, che superano anche il metro e mezzo), pezzi di alberi e di rami enormi penzolanti, alberi caduti e mai rimossi, tubi in vista, il piccolo torrente diventato una palude, laghetto dei cigni ridotto ad uno stagno e maleodorante, spazzatura e sporcizia ovunque.

Potrei continuare con la descrizione, ma credo che le foto che Le ho allegato parlino da sole.

Vorrei ricordare, al Signor Sindaco ed ai Signori Amministratori della nostra Città, che Pescara non è solo la zona che va dal Comune verso Montesilvano (la vecchia Castellammare), ma anche la parte Sud; non vorrei che il primo cittadino si ricordi di Portanuova solamente quando deve venire allo Stadio a vedere le partite del Pescara."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Coronavirus: morto a Pescara Nicola Marcantonio, proprietario del castello di Cepagatti

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Coronavirus, morto 58enne pescarese Antonello Bianco: il ricordo del sindaco Masci

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento