Cup Pescara: ancora disagi e file interminabili

Ad un mese dall'introduzione del nuovo software per la gestione delle prenotazioni il CUP dell'ospedale è ancora in difficoltà. Ieri 10 aprile al mattino la fila superava le 100 persone

Oltre 100 persone in coda anche dalle prime ore del mattino. Resta difficile la situazione del CUP di Pescara, ad un mese esatto dall'introduzione del nuovo software che ha causato gravi disagi e file chilometriche. A segnalare l'accaduto Armando Foschi di Pescara Mi Piace, che chiede spiegazoni e chiarimenti al manager Asl Mancini.

CODE E CAOS AL CUP

Da ieri gli animi dentro il Cup sono tornati a scaldarsi e le file di cittadini in attesa ad allungarsi: ieri alle 11.40,
quando siamo entrati nella struttura e abbiamo staccato il nostro biglietto, eravamo il numero P381 e lo stesso sistema ‘gestionecode’ ci ha informato che c’erano ancora 113 persone in fila prima d inoi, come ben si vedeva dalla folla presente nella stanzetta d’attesa angusta del Cup, dove, fra l’altro, comincia a fare molto caldo, con gli impianti del riscaldamento accesi e la maggior parte degli utenti costretti ad aspettare in piedi il proprio turno non essendo sufficienti le sedute presenti .Identico il copione questa mattina: alle 11.20 abbiamo staccato il ticket numero 339 che segnalava ben 138 persone in coda.

Foschi critica l'indifferenza del sindaco Alessandrini, del Governatore D'Alfonso e dell'assessore regionale Paolucci davanti a questo grave problema che affligge ormai da un mese i cittadini.

"Da questo momento non ci interessano più le chiacchiere al vento dei portavoce del manager Mancini, al quale chiediamo di spiegare personalmente perché a un mese dall’entrata in regime del nuovo sistema informatico, la rete continua a non funzionare, tra rallentamenti delle code e blocchi totali delle prenotazioni. Perché a un mese dall’entrata in regime del nuovo sistema,
gli utenti continuano a non ricevere i referti dei propri esami su tablet o smartphone. Dopo un mese di disagi riteniamo che la Commissione consiliare Sanità del Comune abbia l’obbligo di convocare la dirigenza della Asl di Pescara per un’operazione verità su quel pasticcio che a oggi non vede soluzioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

codona-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Coronavirus, sette nuovi contagi accertati in Abruzzo: tre sono nel Pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento