Cercano di vendere una casa non di loro proprietà: in manette

Due fratelli romani sono stati arrestati dai Carabinieri per truffa. Avevano tentato di vendere un lussuoso appartamento sul lungomare Colombo che in realtà era intestato a un'altra persona

Hanno cercato di vendere alla loro vittima un appartamento sul lungomare sud di Pescara, di proprietà di una coppia di ignari pescaresi, ma sono stati smascherati e arrestati dai Carabinieri. Tutto è iniziato lo scorso 28 settembre, quando la vittima, un commerciante del posto alla ricerca di un immobile da acquistare, è stato contattato telefonicamente da un certo Luca, che gli aveva riferito essere il proprietario di un lussuoso appartamento sul Lungomare Colombo: richiesta 420.000 euro. Il commerciante si è mostrato subito interessato alla proposta chiedendo di poter visionare l’immobile prendendo appuntamento per il pomeriggio stesso; una volta giunto sul posto, l’uomo è stato accompagnato da un complice del truffatore che gli ha fatto visitare tutte le stanze, cercando di convincerlo della bontà dell’affare.

L’acquirente, soddisfatto, ha ricontattato Luca dicendogli di essere interessato all’acquisto ma chiedendo comunque in giro informazioni sul proprietario dell’abitazione, scoprendo con grande sorpresa che l’appartamento non era intestato all’uomo presentatosi come Luca e che il vero proprietario, ignaro di tutta la faccenda, non aveva la minima intenzione di vendere. A quel punto il commerciante, perplesso, ha ricontattato Luca chiedendogli se per caso non ci fosse stato un malinteso, ma il truffatore, per tutta risposta, gli ha confermato tutto dicendogli di essere il proprietario e presentandogli un altro complice che si spacciava per un agente immobiliare che si sarebbe occupato della vendita. Il commerciante, a questo punto, intuito che potesse trattarsi di una truffa ai suoi danni, si è rivolto direttamente ai Carabinieri del Nor di Pescara che hanno organizzato la “trappola” per incastrare i malviventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con numerosi contatti telefonici, i truffatori hanno continuato imperterriti a raggirare la vittima, producendo copie di documenti di identità e tutta la documentazione inerente l’immobile, per rendere il più credibile possibile il loro ingegnoso raggiro. Un piano apparentemente perfetto se non fosse per il fatto che ieri mattina, all’appuntamento fissato per la firma del falso compromesso e la consegna del vero assegno di 15.000 euro da parte della vittima, si sono trovati anche i Carabinieri, che hanno arrestato in flagranza i due malviventi, scoprendo che tutte le loro identità erano fasulle. Si tratta di due fratelli di 46 e 48 anni, originari di Roma, che dovranno ora rispondere di truffa, possesso di documenti di identificazione falsi, falsificazione di certificati e sostituzione di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento