Vende dolci di "produzione propria" che in realtà non lo sono, denunciato

I militari dell'Arma hanno fatto visita in un bar, pasticceria, gelateria che vendeva dolci come "produzione propria" mentre invece erano di ditte terze

foto di repertorio

I carabinieri del Nas (nucleo antisofisticazione) di Pescara in azione in una serie di controlli che hanno portato alla scoperta di una tentata frode di prodotti dolciari in un'impresa del capoluogo adriatico.
In particolare, i militari dell'Arma hanno fatto visita in un bar, pasticceria, gelateria, di cui non è stato svelato il nome, che vendeva dolci come "produzione propria" mentre invece erano di ditte terze.

I prodotti venduti come propri ma in realtà venivano acquistati da ditte terze erano torta mimosa e zeppole, tipici di questo periodo.

Al termine degli accertamenti, i carabinieri hanno deferito il titolare dell’attività all’autorità giudiziaria, con l’accusa di aver detenuto per la vendita prodotti dolciari pubblicizzati come di “produzione propria”, mentre in realtà erano stati prodotti da ditte terze, condotta configurante il reato di “tentata frode in commercio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • La ristoratrice pescarese Marilena Di Stilio del locale "La Pecora Nera" si lancia nel mondo dei film per adulti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento