Crea un profilo Facebook "hot" per mettere in difficoltà la sua ex: stalker in manette

I Carabinieri pescaresi hanno arrestato questa mattina un 50enne di origine campana che aveva reso la vita impossibile a una giovane sudamericana. L'uomo dovrà adesso rispondere di atti persecutori, lesioni personali e accesso abusivo a sistema informatico

Un 50enne campano, residente a Pescara, è stato arrestato stamani per stalking dai carabinieri del capoluogo adriatico in quanto da mesi perseguitava l'ex compagna, una giovane sudamericana. In base a quanto emerso dalle indagini dei militari dell'Arma, l'uomo molestava la sua vittima dalla fine del 2016 sottoponendola a una serie di vessazioni: la pedinava e la aggrediva sia verbalmente che fisicamente, ma le dava fastidio anche al cellulare, chiamandola in continuazione e inviandole tantissimi sms.

Non contento, aveva anche creato un falso profilo Facebook della donna, pubblicandone alcuni scatti privati e fornendo il suo numero di telefono personale. Così alla sudamericana erano cominciate ad arrivare proposte sessuali da parte di perfetti sconosciuti, con i quali lo stalker aveva persino chattato fingendosi la sua ex compagna. E' per tali ragioni che ora il 50enne dovrà rispondere di atti persecutori, lesioni personali e accesso abusivo a sistema informatico.

Ma non finisce, purtroppo, qui: l'uomo aveva altresì minacciato di morte la poveretta, mandandole a scopo intimidatorio articoli che parlavano di femminicidi perchè “in fondo, con 15 anni di condanna per omicidio, al massimo forse ne avrei scontati nemmeno 10". L'incubo, per fortuna, si è concluso e lo stalker è stato rinchiuso nel carcere di San Donato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Claudio Scarponi, comandante dei carabinieri di Pescara, ha dichiarato che “questo episodio, purtroppo sempre meno isolato, dimostra come di fronte a uomini che oggettualizzano le loro compagne e che per questo non possono accettare di essere lasciati, l’unica soluzione per le vittime, al fine di difendere loro stesse ed i figli, è quella di denunciare alle forze di polizia i fatti, così da poter essere aiutate. Il silenzio rafforza solo la tangente criminale degli aguzzini, convinti di poter disporre delle vite delle altre persone a loro piacimento”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento