Era ricercato da anni con mandato di cattura internazionale, arrestato all'aeroporto di Pescara

Gli agenti della polizia di frontiera, diretti dal dirigente Dino Petitti, hanno tratto in arresto un cittadino albanese di 54 anni proveniente da Charleoi, in Belgio, con il volo Ryanair delle ore 20:20

foto di repertorio

Un uomo, un ricercato che viveva in Francia, è stato arrestato ieri, martedì 5 febbraio, nell'aeroporto d'Abruzzo di Pescara dalla polizia.
Gli agenti della polizia di frontiera, diretti dal dirigente Dino Petitti, hanno tratto in arresto un cittadino albanese di 54 anni proveniente da Charleoi, in Belgio, con il volo Ryanair delle ore 20:20.

L'uomo viveva da anni in Francia e si spostava in tutta Europa nonostante sulle sue spalle pendesse un ordine di cattura internazionale.

In particolare, due operatori della quinta squadra di vigilanza aeroportuale durante un'attività di controllo sui passeggeri in arrivo hanno notato un soggetto dall'area sospetta che viaggiava assieme alla sua famiglia. lo straniero, residente in Francia e in possesso di un passaporto albanese e di un permesso di soggiorno francese valido, nonché del visto britannico rilasciato a metà dicembre 2018 è rimasto sorpreso della presenza della polizia dato che viaggiava all'interno dell'area Schengen dove non sono previsti controlli sistematici dei transiti. 

Nonostante la regolare documentazione in possesso, gli agenti della polizia hanno proceduto comunque all'interrogazioni di tutte le banche dati e da quella Interpol è risultato un ordine di cattura internazionale a fini di estradizione a seguito di una condanna per cinque anni di reclusione per truffa emessa dal tribunale di Tirana nel 2015 e che risultava pendere sul soggetto da quell'anno. 

Il cittadino è stato identificato grazie alla documentazione fotografica fornita dalla stessa Interpol, posto in stato di arresto e accompagnato al carcere di San Donato a disposizione della corte di appello dell'Aquila per l'avvio delle procedure di estradizione.
Il 54enne era venuto in Italia per trovare dei parenti che vivono all'Aquila.

Questa attività è il frutto del costante impegno profuso dagli uomini che lavorano negli Uffici di Polizia della Frontiera di Pescara.

Potrebbe interessarti

  • Mangiare il riso fa dimagrire?

  • Quali piante grasse avere in casa e quali sono i loro benefici?

  • Bollo auto: scadenze ed esenzioni

  • Pescara, topo appare all'improvviso in via Milano [FOTO]

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sull'autostrada A14, morto un uomo: c'è anche un ferito

  • Incidente lungo la A14 fra Roseto e Pescara Nord: gli aggiornamenti

  • Incendio in corso Umberto I, paura in pieno centro a Pescara [FOTO-VIDEO]

  • Si sente male mentre è in macchina e chiede aiuto, uomo morto in strada

  • Demolito l'edificio della Conbipel a Porta Nuova, nuova costruzione al suo posto [FOTO-VIDEO]

  • Picchia il figlio di pochi anni davanti ai bagnanti, il racconto di un testimone

Torna su
IlPescara è in caricamento