Minaccia di pubblicare online foto e video hard, uomo di Pescara arrestato

Il 35enne aveva minacciato di pubblicare online foto e video hard di una donna di 48 anni di Pescara conosciuta pochi minuti prima si Facebook grazie a un'amicizia in comune

Un uomo di 35 anni di Pescara, M.O. le sue iniziali, è stato arrestato dalla polizia di Stato con l'accusa di estorsione.
Il 35enne aveva minacciato di pubblicare online foto e video hard di una donna di 48 anni di Pescara conosciuta pochi minuti prima si Facebook grazie a un'amicizia in comune.

Il 35enne è passato rapidamente dalle avances, peraltro fermamente rifiutate dalla sua interlocutrice, a una vera e propria richiesta estorsiva.

I fatti risalgono all'altro ieri, lunedì 18 febbraio, quando la vittima del ricatto, nel corso di una chat su Facebook con un utente cui quella sera stessa aveva “dato l’amicizia”, si era vista minacciare da quest’ultimo, il quale ha affermato di aver appena creato, grazie a un particolare software, video e foto, a contenuto pornografico che la ritraevano, chiedendo, per non pubblicarle, la cifra di duecento euro.
Allo scopo di rendere più credibile la minaccia, lo sconosciuto le ha fatto credere di essere parte di una più ampia organizzazione, capeggiata da un fantomatico “boss” che, a pagamento avvenuto, avrebbe fatto scomparire per sempre quei contenuti compromettenti.

In realtà, come spiegano gli investigatori, quelle foto e quei video non esistevano realmente, ma il solo paventarne l’esistenza aveva fatto sprofondare la donna in uno stato di profonda agitazione. Temendo che il ricatattore fosse veramente in grado di creare artificiosamente e poi pubblicare in rete contenuti multimediali scabrosi, la donna ha così deciso, ieri mattina, di sporgere denuncia in Questura, dove ha riferito agli agenti quanto successo, precisando che il 35enne aveva continuato a incalzarla anche quella stessa mattina, dandole appuntamento in un bar vicino al casello di Pescara Nord-Città Sant'Angelo dell'autostrada A14 per la consegna dei duecento euro.

Una volta uscita dalla Questura, la donna si era poi effettivamente recata all’appuntamento, sedendosi a un tavolo del bar con colui che, fino a poco prima, era soltanto un nome su Facebook e che ora era lì, a pochi centimetri di distanza. Quel che l’uomo non poteva immaginare era pero che all’appuntamento, d’intesa con la denunciante, erano presenti anche i poliziotti della Squadra Mobile di Pescara. Seduti a qualche tavolo di distanza, non appena hanno visto lo sconosciuto ricevere la somma di denaro dalla 48enne, sono intervenuti bloccandolo con i 200 euro in mano.

M.O., già noto alle forze dell'ordine con precedenti per rapina e furto con strappo, è stato tratto in arresto con l’accusa di estorsione. Le indagini, che mirano anche a verificare se l’uomo possa essersi reso, in passato, autore di analoghe condotte, sono dirette dal sostituto procuratore della Repubblica Rosangela Di Stefano.

Potrebbe interessarti

  • Mangiare il riso fa dimagrire?

  • Bollo auto: scadenze ed esenzioni

  • Pescara, topo appare all'improvviso in via Milano [FOTO]

  • Assegni familiari 2019: tutto quello che devi sapere

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sull'autostrada A14, morto un uomo: c'è anche un ferito

  • Incendio in corso Umberto I, paura in pieno centro a Pescara [FOTO-VIDEO]

  • Paura a Pescara, bambino di 5 anni si perde in spiaggia

  • Si sente male mentre è in macchina e chiede aiuto, uomo morto in strada

  • Picchia il figlio di pochi anni davanti ai bagnanti, il racconto di un testimone

  • Demolito l'edificio della Conbipel a Porta Nuova, nuova costruzione al suo posto [FOTO-VIDEO]

Torna su
IlPescara è in caricamento