Sorpreso dai carabinieri lancia la cocaina dalla finestra, giovane arrestato e condannato

Il ragazzo è stato sopreso con la droga dai militari della locale Stazione in collaborazione con quelli del Nucleo Cinofili di Chieti e quelli del Nor della Compagnia di Popoli

Un giovane di 22 anni è stato tratto in arresto dai carabinieri a Torre de' Passeri l'altro ieri, martedì 1 ottobre.
Il ragazzo è stato sopreso con la droga dai militari della locale Stazione in collaborazione con quelli del Nucleo Cinofili di Chieti e quelli del Nor della Compagnia di Popoli.

Il 22enne, D.R.N. italiano di origine rom, deve rispondere dell'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari dell'Arma per diversi giorni hanno tenuto sotto controllo l'abitazione del giovane notando un via-vai sospetto di persone che ha fatto presumere che si stesse realizzando un'attività illecita. A insospettire ulteriormente i carabinieri il fatto che tali movimenti avvennissero a poca distanza da alcune scuole. Così nel pomeriggio dell'altro ieri hanno deciso di intervenire con una perquisizione domiciliare. Ma alla vista dei militari il giovane si è affacciato alla finestra lanciando in giardino un involucro bianco allo scopo di disfarsene. 

Ma i carabinieri hanno recuperato l'involucro appurando come al suo interno ci fossero circa 10 grammi di cocaina. Nell'abitazione invece sono stati recuperati, nascosti sotto al materasso, circa 185 euro divisi in banconote di vario taglio, un bilancino di precisione e materiale atto al confezionamento. D. R. N per questi motivi è stato dichiarato in arresto e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Ieri, a seguito della celebrazione del rito direttissimo, l’arresto è stato convalidato e il 22enne è stato condannato a 6 mesi di reclusione con pena sospesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione condotta dal personale della Stazione carabinieri di Torre de’ Passeri è solo l’ultima di una seria attività realizzate nei confronti dei componenti della famiglia dell'arrestato i quali già in passato avevano turbato la tranquilla cittadina dei Torre de’ Passeri rendendosi protagonisti di alcune risse. Nei mesi scorsi, infatti, sono stati rinviati a giudizio, D.R.V (di anni 46), D.R.G. (di anni 33) e D.R. V. (di anni 25), tutti originari di Torre de’ Passeri cittadini italiani di origine rom.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento