Detenuto del carcere di Pescara in semilibertà, beccato con dei gioielli rubati aggredisce i carabinieri: arrestato

In manette è finito un 48enne di Chieti che si trovava a Roma ed ha tentato la fuga quando ha visto un posto di blocco, aggredendo anche i militari con calci e pugni

Un 48enne di Chieti, detenuto in regime di semilibertà nel carcere di Pescara per vari reati, è stato arrestato a Roma per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e denunciato a piede libero per ricettazione.

L'uomo si trovava nella capitale nella zona delle case popolari fra via Molfetta e via Ugento e stava camminando a piedi quando ha notato un posto di controllo dei carabinieri e alla vista dei militari si è dato alla fuga. I carabinieri lo hanno seguito e raggiunto, e a quel punto l'arrestato, che deve scontare una serie di pene per reati come furto, rapina e ricettazione, ha aggredito i militari con calci e gomitate.

Con sè aveva dei gioielli di cui non ha saputo giustificare la provenienza. Ora si trova in carcere e le indagini cercheranno di risalire ai legittimi proprietari dei gioielli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Dramma a Montesilvano, acqua bollente cade su un bimbo di 16 mesi e lo ustiona: è grave

  • Pescara, sciolto il nodo allenatore: arriva Di Biagio

  • Virus cinese: le indicazioni del Ministero della Salute anti-coronavirus

  • Il Pescara ha deciso: sarà Nicola Legrottaglie il nuovo allenatore

  • Enrico Remigio di Scafa è il primo concorrente della nuova edizione di "Chi vuol essere milionario"

Torna su
IlPescara è in caricamento