Minacce e tassi d'interesse alle stelle per un piccolo prestito: arrestati due usurai

Si è rivolto ad un amico per entrare in contatto con una persona per ottenere un prestito di 4 mila euro necessario per salvare la sua azienda. Da quel momento in poi, per un imprenditore di Scafa è iniziato l'incubo

Ha chiesto un prestito di 4 mila euro per saldare alcuni debiti accumulati dalla sua azienda, e non potendo rivolgersi alle banche ha chiesto aiuto ad un conoscente per trovare qualcuno in grado di prestargli quella somma nel giro di pochi giorni. Da quel momento, però, per un imprenditore di Scafa è iniziato un vero incubo, spezzato dai carabinieri che hanno arrestato due giovani incensurati per usura.

L'imprenditore si è rivolto inizialmente al conoscente, un suo compaesano, che ha svolto il ruolo di intermediario mettendolo in contatto con la persona che poteva prestargli il denaro. A quel punto c'è stato un primo incontro fra i tre durante il quale c'è stata la richiesta della cifra pattuita.

Pochi giorni dopo, è avvenuta la consegna del denaro e qui l'usuraio ha comunicato il tasso d'interesse dovuto, ovvero 1.500 di interessi da ridare assieme alla somma iniziale di 4 mila euro entro due mesi. L'imprenditore non è riuscito a saldare l'intera cifra ed a quel punto l'usuraio gli ha chiesto anche gli interessi di mora con la cifra che è lievitata ad oltre 15 mila euro.

Disperato, l'uomo ha dovuto cedere in garanzia la sua automobile ed un televisore ma nonostante la situazione difficile non si è rivolto ai carabinieri, che hanno avviato le indagini autonomamente dopo una segnalazione. Convocato in caserma, ha ammesso di essere finito nelle mani degli strozzini ed ha collaborato con gli inquirenti.Gli arrestati sono Roberto Cirelli 26 anni di Pescara e Antonio Nubile 23 anni di Scafa. L'intermediario, A.N, si era fatto anche consegnare 500 euro per il "disturbo". Ora si trovano entrambi agli arresti domiciliari.

usuro1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(l'auto ceduta all'usuraio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Coronavirus: morto a Pescara Nicola Marcantonio, proprietario del castello di Cepagatti

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Coronavirus, morto 58enne pescarese Antonello Bianco: il ricordo del sindaco Masci

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento