Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

L'uomo si è sparato un colpo in testa con la pistola d'ordinanza dopo essersi chiuso in bagno. Era divorziato e non aveva figli. Aveva prima lavorato a Pescara e poi aveva fatto ritorno in città dopo un periodo ad Ancona

Si chiamava Alessandro De Luca, era di Pescara e viveva in via Aldo Moro il carabiniere del Noe che ieri mattina (11 gennaio) si è tolto la vita mentre si trovava nel suo ufficio in via Venezia, all'ottavo piano. Aveva 45 anni.

L'uomo si è sparato un colpo in testa con la pistola d'ordinanza dopo essersi chiuso in bagno. Era divorziato e non aveva figli. Aveva prima lavorato a Pescara e poi aveva fatto ritorno in città dopo un periodo ad Ancona.

La tragedia si è consumata poco prima delle ore 9, tra lo sgomento dei colleghi e di tutti coloro che conoscevano la vittima. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia e i sanitari del 118, e da Roma è arrivato anche il generale Maurizio Ferla, a capo del comando carabinieri nazionale per la tutela ambientale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento