Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Cardelli: negozi aperti fino a tarda sera d'estate, fiere ed eventi a Natale

L'assessore Cardelli ha annunciato i prossimi provvedimenti riguardanti le aperture domenicali dei negozi nel periodo natalizio e gli orari durante la stagione estiva. "Negozi aperti di domenica dal 22 novembre al 27 dicembre, fiere ed iniziative sotto Natale, apertura serale per le domeniche estive"
Torna a Cardelli: negozi aperti fino a tarda sera d'estate, fiere ed eventi a Natale

Commenti (19)

  • Avatar anonimo di stefano (noncardelli)
    stefano (noncardelli)

    %censored%a mia (e due)! Mi dovessi ritrovare a difendere e spiegare le esternazioni dell'assessore, pur non conoscendolo e non essendo un tesserato? E' chiaro che la conferenza di servizi è un organo tecnico (utile, a volte, .. all'immobilismo) così come è chiaro che "capofila" va inteso in senso lato, nel senso di indirizzo politico. Basta petulare (sgnif.: tenere un comportamento verbale - o scritto - che può infastidire attraverso la riproposizione continua di domande, lamentazioni seccanti etc. Sinonimi: annoiare, infastidire). Lasciatelo agire e poi si vedrà. Ripeto, il piglio è quello giusto. Buon lavoro.

    • Avatar anonimo di gloria
      gloria

      sì ha il piglio del commerciante quindi pensa solo ai c....suoi

  • Avatar anonimo di giuan
    giuan

    caro assessore cardelli,sono un addetto ai lavori suo omologo in altro comune,,,.si informi bene e non faccia errori grossolani come nel passato....la conferenza di servizi è un organismo esclusivamente tecnico dove partecipano tecnici e non politici,che nel caso vogliono essere presenti devono solo ascoltare! quindi PER LEGGE non può presiederla lei pena l'annullamento, ma solo i dirigenti...mi auguro che tale superficialità dipenda dall'ignoranza di chi le ha dato queste informazioni...comunque in ogni caso chi presiede non ha diritto di vita e di morte....o vuole imitare qualche illustre ducetto di oggi????

    • Avatar anonimo di tommaso
      tommaso

      ...direi di più, errore molto grossolano che la dice lunga sul modus operandi di questo personaggio dei giorni nostri....

      • Avatar anonimo di Lentasio
        Lentasio

        Sull'errore "tecnico" non posso esprimermi,perchè non conosco le regole,ma nel commento dell'assessore Cardelli c'è un errore concettuale,che trovo più grave. Infatti si dice chiaramente che "i commercianti hanno bisogno di risposte...",ebbene l'assessore sa certamente che chi amministra deve dare risposte alla cittadinanza nel suo complesso e non a singole categorie,delle quali si occupano specifictamente le varie associazioni e/o sindacati. Altrimenti si rischia di dar ragione ai più maligni che sostengono che ci sia una logica del "do ut des",nel senso di venire incontro a chi ha votato per noi... Io non ci posso e non ci voglio credere.

  • Avatar anonimo di Rodolfo
    Rodolfo

    Leggete bene la risposta dell'assessore ! E' lui il capofila,è lui,che ha già fatto analisi,elaborato strategie ed è pronto a dare soluzioni rapide ed efficaci...non servono "chiacchiere" bisogna solo passare all'azione. Vedremo e giudicheremo. Chi pensa di sapere già tutto difficilmente imparerà qualcosa ed in questo caso mi sembra di essere di fronte ad un "ghe pensi mi" alla pescarese.

  • Avatar anonimo di stefanocardelli
    stefanocardelli

    il capofila della conferenza di servizi è l'assessore al commercio del comune più grande cioè pescara quindi io. è stata convocata ed effettuata la prima riunione avente ad oggetto la conferenza. a questa riunione erano presenti cgil confesercenti uil cisl confocommercio. abbiamo trovato l'accordo in mezz'ora sulle linee essenziali che vogliamo portare avanti. il comune di s.giovanni parteciperà alla riunione prossima e il comune di pescara non deve fare i conti con il comune su citato. pescara è il comune più grande e anche per il principio della rotazione quest'anno tocca a noi. martedi prossimo c'è la seconda riunione e per il 27 ci sarà la conferenza di servizio.stefanocardelli. p.s. i commercianti hanno bisogno di risposte concrete ed immediate . il centro commerciale naturale non ha bisogno di studi concreti per essere realizzato ( cosa che comunque è stata fatta nel passato ) ma solo la volontà di essere attuato e realizzato nel più brave tempo possibile. e io lo farò te lo posso garantire.

  • Avatar anonimo di stefano (noncardelli)
    stefano (noncardelli)

    %censored%a mia, quante storie! Allora: con il "lavorare di pancia" volevo attribuire una qualità all'assessore che è quella di proporre alla cittadinanza e manifestare nuove idee in modo "sentito", con un pò di brio, caparbietà ed attivismo, utili alla soluzione dei problemi. Sinceramente poi non credo che si possano attivare progetti sulla base delle tessere di partito e, anche se fosse, l'importante è il risultato (perchè prima com'era?, non facciamo i santi per favore). Ci saranno pure professionisti di loro fiducia in grado di realizzare qualcosa, o sono tutti scemi? Non credo, no? Riguardo la conferenza di servizi, i sindacati, le associazioni di categoria, le domeniche al lavoro, credo che tutti sappiano bene quali siano le trafile burocratiche da seguire, retaggio degli anni sindacalizzati che hanno prodotto l'immobilismo del paese. Il problema è un altro: sapete quanta gente è convinta che Pescara si trovi nelle Marche? Sono sufficienti per voi un manipolo di studenti fuori corso di Foggia, di Chieti o dell'hinterland pescarese a Corso Manthonè per dire che la nostra città ha vocazioni turistiche? Per rispondere a "me", è preferibile lavorare di domenica o "affatto"? Sarò crudo o banale ma io credo che sia meglio lavorare che non lavorare. I rischi di licenziamento li vediamo giornalmente sui media, con tutte le nefaste conseguenze. Cambiamo testa, ragazzi!

    • Avatar anonimo di Rodolfo
      Rodolfo

      Non si tratta di fare delle "storie",ma di riflettere su cosa sia più giusto fare per rilanciare la ns. città sul piano nazionale e,perchè no,sul piano internazionale. Forse non mi sono spiegato bene nel precedente commento,ma sono fermamente convinto che queste sono cose,che non possono essere affidate a dei dilettanti (genere molto pericoloso). Qui non si tratta di giudicare Cardelli nè di dividersi sulla politica,ma di auspicare che gli amministratori della ns. città facciano scelte strategiche dopo aver fatto studiare i problemi da persone o istituti,che abbiamo competenza ed esperienza. In questa città si è spostato il cementificio senza pensare che dopo pochi anni sarebbe stato di nuovo in mezzo alla città,l'asse attrezzato senza prevedere che farlo terminare a sud in mezzo a Francavilla e a Nord in mezzo a Montesilvano sarebbe stato un disastro,la diga foranea,che impedisce il normale deflusso del fiume ed ora ci vorrebbero quasi 100 milioni di euro per rimuoverla etc... Ora vorrei augurarmi,se veramente si vuole voltare pagina, che si procedesse ad un piano complessivo per lo sviluppo della città, ma vedo che le iniziative sono state: riaprire la rampa perchè così vogliono i commercianti, parcheggio sui marciapiedi perchè lo vogliono i balneatori etc...

      • Avatar anonimo di stefano (noncardelli)
        stefano (noncardelli)

        E' giusto ciò che dici sulle scelte strategiche ponderate. L'importante è che non siano una scusa per allungare all'infinito i tempi di progettazione e realizzazione, con risultati spesso non correlati alla velocità di cambiamento del territorio. Il rischio è solo quello (e hai detto niente!). Riguardo la diga foranea (una delle opere più assurde eseguite), non serve rimuoverla ma è solo necessario allungare il molo nord per ristabilire il pennacchio naturale che disperda le acque fluviali al largo, per non concentrarle "scientificamente" all'interno dello spazio battigia-scogliere, a discapito dei bagnanti. Riguardo infine le domeniche al lavoro, il concetto che volevo manifestare è che, viste le migliaia di lavoratori a spasso, credo che sia positivo attivare iniziative che promuovano uno sviluppo del territorio finalizzato alla crescita turistica e, di conseguenza, occupazionale. Nulla più. Se poi dobbiamo cogliere ogni occasione per lamentarci, vabbè .. fate pure.

    • Avatar anonimo di aldo
      aldo

      il solito inutile commento del privilegiato del c......fsccismo s csmbio qualche volta,vieni a vedere che significa non poter programmare 1 giorno,uno solo della tua vita...e poi magari rischiare il posto di lavoro come è accaduto a molti colleghi

  • Avatar anonimo di artix
    artix

    tra le varie roboanti esternazioni ...lo sa che cardelli che non è lui che può decidere una cosa simile?che c'è una conferenza di servizi prevista dalla legge regionale dove si decide l'orario e il calendario insieme con i sindacati e le associazioni?che come sempre è assolutamente amtidemocratico,populista,scorretto e inopportuno e anche controproducente fare anticipazioni simili?ci vuole un pò di scuola di politica vera per questa gente...

  • Avatar anonimo di IM
    IM

    Ma è possibile che bisogna pensare solo a spendere, fare shopping, chiudersi nei centri commerciali e outlet vari? Penso a quelli che saranno "contentissimi" di lavorare tutte le domeniche del periodo natalizio oppure fino a tarda sera in estate...

    • Avatar anonimo di stefano (noncardelli)
      stefano (noncardelli)

      La tua considerazione, mi spiace dirlo, è troppo semplicistica. Allora: 1) l'outlet c'è e creerà verosimilmente una concorrenza bestiale, tenuto conto della limitatezza territoriale, quindi è un problema serio da risolvere per chi svolge attività commerciale in città; 2)Pescara è una città a vocazione turistica e, girando non solo in Italia ma nel mondo, capirai che se il turista non è attirato anche ("anche", non "solo";) dai negozi aperti di sera e di domenica non sceglie volentieri questa meta. Riguardo le azioni che l'assessore Cardelli sta scegliendo di portare avanti, le considero meritevoli (se attuate! Ne ha elencate diverse finora) anche perchè il piglio è quello giusto (lavora di pancia perchè da cittadino evidentemente SENTE queste esigenze e, comunque, preferisco uno che lavori di pancia ad uno che non lavori per lo sviluppo della città;) e rivitalizzare il centro cittadino non può che favorire anche la coesione sociale. Bisogna pensare e fare cose in grande. Bene così Cardelli, non frenare anzi .. accelera! Un'ultima annotazione, come spunto di riflessione, andrebbe però collegata alla vocazione turistica della città in senso lato, ovvero, fatevi una domanda semplice: per quale motivo ad esempio un turista romano (in una gita fuori porta con amici, mogli e, magari, con una serie di figli tra piccoli e adolescenti) dovrebbe scegliere di visitare Pescara? Cos'ha di caratteristico o di caratterizzante la città per essere visitata e poi serbarne un bel ricordo per attivare il passaparola? Che mi rispondete? Il mare? Troppo generico. D'Annunzio, Michetti? No, cose troppo elitarie per attrarre le masse. Il museo Colonna? No comment!! I ristoranti, gli arrosticini? No, troppo poco. La cordialità stile romagnola degli operatori commerciali? Non mi fate .. parlare. Pescara vecchia? No, non per tutti (vedi risse e caos) e non solo quello. Allora? Qualche idea? Un delfinario? Si, funziona sempre (vedi Riccione). Pensate solo a Genova prima del mega acquario e del salone nautico, perchè avrei dovuto visitarla? Meglio le Cinque Terre o Portofino, no? Una fiera? Si. Nuova, innovativa, cruciale, che faccia comprendere a tutti, una volta per tutte, quale importanza logistica abbia una città come la nostra, non lasciamole tutte a Rimini e dintorni. Insomma, per trascinare le masse, turisticamente parlando, ci vuole ben altro! Allora sì che ognuno di noi guadagnerebbe qualcosa di positivo, fosse anche solo il piacere di .. vedere facce nuove! Vero IM? Buon lavoro ragazzi.

      • Avatar anonimo di Rodolfo
        Rodolfo

        Caro Stefano (non Cardelli)concordo sul fatto che bisogna rendere più "appetibile" e più "fruibile" la ns. città,quello su cui non sono "affatto" d'accordo è che scelte di questo livello possano essere fatte sulla base della "pancia" dell'assessore Cardelli. Non per Cardelli,ma perchè queste non sono cose che si fanno sulla base dell'emotività o della più o meno grande esperienza personale,ma sulla base di un progetto,che fa seguito ad uno studio accurato fatto da specialisti della materia (in questo caso più d'una).Si può pensare che l'Outlet a Città S.Angelo o,prossimamente,l'IKEA a Sambuceto sorgano sulla base della pancia di qualcuno ? Si fanno studi accuratissimi prima di fare un passo del genere. Lo sviluppo di una città come Pescara è ancora più importante e più complesso,perciò ritengo che le scelte,soprattutto quelle strategiche,dovrebbero esser fatte dopo accurate analisi affidate a seri professionisti scelti per la loro competenza e non per la tessera di partito.

        • Avatar anonimo di simon
          simon

          bravo rodolfo,dici cose corrette sulle quali forse un assessore avrebbe almeno dovuto informarsi....ha pensato il caro cardelli come s mette con il sindaco di san giovanni teatino?conosce quella realtà?sa che ci deve fare i conti?

        • Avatar anonimo di me
          me

          lavoro da anni presso un centro commerciale e non so' piu cosa voglia significare passare una domenica a casa, svegliarsi con la propria famiglia fino a quando non ci si voglia svegliare. ho una bambina di 8 anni e mi trovo costretta non mandarla a scuola nel mio unico giorno di riposo infrasettimanale, perchè diventi la mia domenica con lei. è brutto dove i soldi fanno perdere la connizione dei valori e tutto questo per un totale di 30 euro al mese!!!!!! preferisco stare a casa e fare a meno di quei 30 euro perchè la mia famiglia ha piu' valore.... il sindaco??? se ne è lavato le mani, dicendo che ha ricevuto lamentele perchè non si dava loro la possibilità di guadagnare di piu'... che cazzata per uscire dal discoso con falsa diplomazia...

          • Avatar anonimo di IM
            IM

            Questo esprime pienamente il senso del mio commento... In ogni caso, quando io faccio la turista, non vado in giro a fare shopping nei negozi. Non scelgo una meta per i centri commerciali. Quindi punterei su altro per attirare turisti. > lavoro da anni presso un centro commerciale e non so' piu cosa voglia significare passare una domenica a casa, svegliarsi con la propria famiglia fino a quando non ci si voglia svegliare. ho una bambina di 8 anni e mi trovo costretta non mandarla a scuola nel mio unico giorno di riposo infrasettimanale, perchè diventi la mia domenica con lei. è brutto dove i soldi fanno perdere la connizione dei valori e tutto questo per un totale di 30 euro al mese!!!!!! preferisco stare a casa e fare a meno di quei 30 euro perchè la mia famiglia ha piu' valore.... il sindaco??? se ne è lavato le mani, dicendo che ha ricevuto lamentele perchè non si dava loro la possibilità di guadagnare di piu'... che cazzata per uscire dal discoso con falsa diplomazia...

          • Avatar anonimo di maestranze
            maestranze

            questa volta sarà guerra,ci rivolgeremo ai sindacati per contrastare in tutti i modi questa proposta non sopportabile dal nostro territorio e con le poche forze lavorative rimaste....se volete copiare altri modelli copiateli nella parte buona se siete capaci....(ne dubitiamo)

Torna su
IlPescara è in caricamento