Casa pulita e igienizzata: cosa fare e cosa no per contrastare il Coronavirus

Rentokil Initial, azienda in servizi per l'igiene, ha stilato una serie di consigli utili per pulire bene casa per scongiurare la diffusione del Coronavirus, spiegando cosa fare e cosa evitare

Sin dall’inizio della diffusione di quello che era stato definito virus cinese, per poi essere conosciuto come Coronavirus (Covid-19), siamo stati avvertiti: è opportuno lavarsi le mani adeguatamente e spesso, possibilmente utilizzando anche un buon igienizzante mani.

In poco tempo l’Amuchina e tutti i gel disinfettanti sono terminati nei negozi e online, tanto che l’Oms ha divulgato la ricetta per realizzare il gel mani a casa con soli tre ingredienti. Tuttavia non basta, bisogna anche pulire a fondo la propria abitazione per evitare possibili contagi e la diffusione del virus “invisibile”.

Come e cosa pulire per una casa anti-Coronavirus

Rentokil Initial, azienda in servizi per l'igiene, ha stilato una serie di consigli utili per pulire bene casa per scongiurare la diffusione del Coronavirus, spiegando cosa fare e cosa evitare.

Pulizia di superfici, indumenti e oggetti: sì. Non c’è certezza su quanto tempo il virus possa sopravvivere su abiti e superfici: le Autorità sanitarie hanno affermato che esiste un lasso di tempo variabile - da qualche ora a qualche giorno – durante il quale il virus riesce a sopravvivere laddove superfici e vestiti non siano stati oggetto di disinfezione o esposti a fenomeni come ad esempio la pioggia. È quindi bene utilizzare acqua e detergenti neutri e poi applicare un disinfettante a base di ipoclorito di sodio 0,1% o utilizzare etanolo al 70% per pulire superfici e oggetti - soprattutto quelli che vengono utilizzati più volte al giorno come smartphone, telecomando, maniglie delle porte e delle finestre, macchinetta del caffè, chiavi di casa e dell’auto. Essere attenti all’igiene non vuol dire ovviamente arrivare alla psicosi da igiene o farsi venire la fobia di sterilizzare e disinfettare tutto. Vale sempre la regola d’oro: se tocchiamo oggetti che provengono dall’esterno, sarà sufficiente lavarsi le mani dopo il contatto, e comunque non toccare occhi, naso e bocca.

Disinfettare ciò che tocchiamo “fuori casa”: sì. Ad esempio il volante, il cambio e le maniglie dell’auto, oppure la borsa che si utilizza per uscire e il casco. Quest’ultimo sarebbe bene disinfettarlo fuori casa, insieme alle scarpe.

Lavare cibi con disinfettanti alimentari: sì e no. È sicuramente utile lavare bene sotto l’acqua corrente tutta la frutta e verdura, utilizzando eventualmente anche un prodotto per la disinfezione alimentare. Questo accorgimento vale specialmente per la verdura e la frutta che si intende consumare a crudo, ed è una regola di igiene da adottare sempre, non solo in questo periodo. Non bisogna farlo per le verdure da consumare cotte, perché l’utilizzo del disinfettante è un passaggio superfluo, in quanto già nella fase di cottura, dove si raggiungono alte temperature, vengono eliminati eventuali batteri presenti. Inoltre, il consumo di cibi crudi di origine animale è al momento sconsigliato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, meglio quindi cucinarli a temperature di almeno 70 gradi, che consente di distruggere il virus.

Far cambiare aria alla propria casa: sì. È molto importante garantire un buon ricambio d’aria in tutti gli ambienti della casa. La durata della ventilazione deve essere adeguata alla grandezza dei locali e al numero delle persone presenti, almeno un paio di volte al giorno è quindi bene aerare le stanze aprendo le finestre per favorire l’eliminazione dei germi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usare profumi per l’ambiente: sì e no. Profumare l’aria che respiriamo è una buona idea, sia perché una profumazione gradevole rafforza la percezione di un ambiente pulito, sia per l’impatto psicologico che ogni aroma ha sul nostro umore. Secondo i risultati di una ricerca condotta da Initial, il 91% delle persone è influenzato positivamente dalla presenza di una fragranza piacevole e il 67% ha dichiarato che un buon profumo è in grado di farli sentire più rilassati e pazienti. In questo periodo, quindi, in cui ci si può sentire più preoccupati per la situazione che stiamo vivendo o in cui c’è maggiore nervosismo a causa della ‘convivenza prolungata’ in famiglia, scegliere delle profumazioni naturali come mandarino, menta e legno di sandalo, può aiutare a contrastare tensione e irrequietezza e a ritrovare serenità e buonumore. Tuttavia, proprio per l’influenza che il profumo ha sulla nostra mente, è importante scegliere l’essenza giusta, senza dimenticare che l’ampiezza degli spazi ha un ruolo chiave in questa scelta. Anche in questo caso, non bisogna esagerare con profumazioni troppo concentrate, invasive e disturbanti che posso quindi avere l’effetto di peggiorare il nostro umore o risultare fastidiose per chi vive in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formiche: come allontanarle e non farle tornare più

  • Decreto Rilancio: il superbonus per ristrutturare casa a costo zero

  • Porcellini di terra: perché non eliminare i preziosi protettori del verde casalingo

  • Lampadine a risparmio energetico: come funzionano per risparmiare sulla bolletta

  • Come eliminare il polline sui davanzali e balconi

  • Rifiuti Raee: aumenta la raccolta ma Pescara resta indietro

Torna su
IlPescara è in caricamento