I benefici delle fibre e quali sono le verdure che ne contengono di più

Le fibre sono importanti per una corretta alimentazione, perché sono voluminose e contribuiscono quindi ad aumentare il senso di sazietà durante il pasto

Quando si parla di dieta sana ed equilibrata, si fa riferimento a un’alimentazione variegata. Tra i nutrienti più importanti per il nostro corpo ci sono le fibre, che solitamente si trovano nelle verdure. Ma ne conosciamo la reale funzione?

A cosa servono le fibre, quali sono i benefici e quali, invece, le verdure migliori che ne contengono maggiormente?

Tipi di fibre e caratteristiche

Le fibre possono essere di due tipi, solubili e insolubili: le prime contribuiscono principalmente a rallentare l'assorbimento degli zuccheri nel sangue, e quindi a prevenire i picchi glicemici, mentre le seconde agiscono a livello gastrico, facilitando il transito intestinale dei nutrienti ingeriti. 

Le fibre sono importanti per una corretta alimentazione, perché sono voluminose e contribuiscono quindi ad aumentare il senso di sazietà durante il pasto.

L’organismo, inoltre, non le assorbe e quindi di per sé non contengono calorie. Per fare un esempio, un panino integrale (contenente quindi una parte di fibre nell’impasto) avrà un apporto energetico di circa 220 calorie per 100 g, inferiore quindi rispetto alle 270-280 Kcal dei crackers o del pane raffinato. 

Le fibre contenute nelle verdure sono dette fibre alimentari, e sono componenti della dieta che si prestano ad un tipo di lavoro differente: infatti, anche se difficilmente digeribili da stomaco ed intestino, il loro passaggio stimola comunque la produzione di succhi gastrici, favorendo la digestione, mentre la loro azione si concentra una volta giunte nel colon, contribuendo a facilitare la regolazione del transito intestinale. 

Le verdure che contengono più fibre

Sedano

Il sedano è una delle verdure più ricche di fibre: con la sua percentuale di 1,6 gr di fibre insolubili per ogni etto, è una delle migliori soluzioni naturali per aumentare il senso di sazietà. Inoltre il sedano ha proprietà diuretiche, depurative, abbassa colesterolo e trigliceridi, aiuta la digestione e riduce il gonfiore intestinale.

Finocchi

Il finocchio si caratterizza per un buon contenuto di fibre (circa 3,1 grammi di fibre alimentari totali per ogni etto); inoltre, sono ipocalorici, svolgono un’azione diuretica-disintossicante e carminativa in caso di problemi intestinali e sono ricchi di potassio, vitamina A e vitamina C. 

Carciofi

carciofi sono ricchi di proprietà e benefici; infatti, oltre ad essere un'ottima fonte di fibre (5,4 gr per etto), hanno anche un alto contenuto di folati, fondamentali in gravidanza, e di vitamina K, che svolge una funzione anti-coagulante, regola il metabolismo osseo ed aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, in particolare l’aterosclerosi. 

Radicchio

Il radicchio è una buona fonte di fibre, contenendone circa 3 grammi per etto, ma si caratterizza soprattutto per la presenza dell'inulina, una fibra alimentare dalla forma filamentosa con proprietà importantissime per la salute del colon e per il miglioramento dell'efficienza del metabolismo degli zuccheri (per questo il radicchio è consigliato a chi soffre di diabete di tipo 2). Il radicchio, inoltre, è una verdura con pochissime calorie, ricca di potassio, dalle proprietà depurative e anche un valido aiuto per chi soffre di stitichezza e difficoltà digestive.

Fagioli borlotti

fagioli borlotti, oltre ad essere una fonte eccellente di proteine vegetali, sono anche ricchi di fibre: infatti, nei fagioli secchi ce ne sono circa 6,9 gr per ogni etto di prodotto. Inoltre, i fagioli borlotti contribuiscono ad abbassare il colesterolo, i trigliceridi ed anche la glicemia, e sono quindi indicati nei casi di diabete.

Melanzane

Le melanzane sono costituite prevalentemente da acqua e fibre: mediamente, presentano 3 gr di fibre alimentari totali per etto. Proprio per questo, l'assunzione di melanzane è spesso consigliata a chi ha bisogno di promuovere il transito intestinale. Inoltre, le melanzane hanno proprietà diuretiche, drenanti ed antiossidanti, sono ricche di vitamine e sali minerali e stimolano la produzione di bile.

Carote

Le carote sono per lo più conosciute per le loro proprietà antiossidanti e per il contenuto di vitamina A, vitamina C e betacarotene, validi alleati della vista e dell'abbronzatura. Non bisogna però dimenticare il loro apporto di fibre (circa 3 grammi totali per etto) e le poche calorie, che determinano un ottimo indice fibra (il risultato del rapporto tra la quantità di fibre e le calorie dell'alimento).

Porro

Il porro è considerato una vera e propria verdura detox: dalle proprietà diuretiche e lassative, è un alimento disintossicante, idratante ed un ottimo antiossidante naturale, grazie alla presenza di flavonoidi, minerali e vitamine. Inoltre i porri sono ricchi di fibre: da crudi infatti, presentano circa 2,9 grammi di fibre alimentati totali ogni 100 grammi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento