Università D'Annunzio: polemiche e dibattiti per il nuovo nome

Nel nome ufficiale è stata aggiunta la parola "Adriatico" voluta dal Rettore Caputi, ma la decisione non è passata inosservata ed ha sollevato un vespaio di polemiche e critiche

il Rettore Caputi

Il Senato Accademico dell'Università D'Annunzio di Chieti - Pescara ha approvato la proposta del rettore Caputi, riguardante il cambio di denominazione dell'Ateneo, con l'aggiunta della parola "Adriatico" e dunque "Università dell'Adriatico Gabriele D'Annunzio Chieti - Pescara".

Una decisione che, però, non è passata inosservata e che ha scatenato una serie di polemiche ed addirittura una petizione per chiedere di non modificare la dicitura. Il nuovo appellativo "Adriatico" infatti, secondo alcuni potrebbe significare un aumento di peso e di importanza per la sede pescarese a discapito della sede centrale teatina.

E sull'argomento la policia locale non si è fatta attendere, con le critiche bipartisan arrivate sia dal centrosinistra che dal centrodestra.

Il consigliere PD Marzoli:

"E' una scelta di difficile comprensione. La storia dell'Ateneo, la location del campus e il percorso che da oltre cinquant'anni lega l'Università alla città di Chieti meritano maggior rispetto e attenzione, a partire da chi ha l'onere e l'onore di guidare l'ateneo."

Mauro Febbo di Forza Italia:

"A me sembra che la nuova denominazione non rispecchi quell'identità territoriale che finora l'Università ha rappresentato. Soprattutto non c'è quell'identificazione che oggi si coglie immediatamente ed era nelle menti degli illuminati fondatori.L'individuazione 'Adriatico' coinvolge un territorio che va dal Friuli alla parte estrema della Puglia, cioè tutta la costa del mare Adriatico, mentre con 'G. D'Annunzio' c'è la piena e totale individuazione dell'Abruzzo e del territorio 'Chieti-Pescara' che ha lavorato e fatto sacrifici per ottenere i risultati che ben conosciamo"

Il sindaco di Chieti Di Primio, invece, si è detto favorevole al cambio di denominazione chiamando personalmente il Rettore.

Lo stesso Rettore Caputi si è detto sorpreso delle critiche e delle polemiche sollevate dal caso, parlando di una scelta fatta per aumentare il bacino di utenza e di studenti per un'apertura di respiro internazionale, ricordando che il nome in reatà non è stato cambiato e che è stata aggiunta solo una parola. Inoltre, il Rettore sottolinea come dietro non ci sia alcun disegno o strategia politica, ma semplicemente una scelta fatta per questioni di marketing rivolta soprattutto all'altra sponda dell'Adriatico, ai Balcani. Ed ha annunciato che si andrà fino in fondo, senza ripensamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per l'Abruzzo e il Pescarese: le previsioni e il bollettino

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Alla guida sotto effetto dell'alcol, fantasiosa giustificazione di un professionista pescarese: "Mi hanno messo pillola nel bicchiere"

  • Incidente ai Colli, perde il controllo dell'auto e si schianta contro fuoristrada facendolo ribaltare [FOTO]

  • Carica una prostituta e fa uno scontro frontale, lei finisce in ospedale

  • Pescara, sciolto il nodo allenatore: arriva Di Biagio

Torna su
IlPescara è in caricamento