Montesilvano: il gruppo sportivo della Polizia Municipale dona attrezzature al reparto di Pediatria

Grazie alla raccolta fondi ottenuta nel corso del torneo San Sebastiano, il gruppo sportivo della polizia locale ha potuto donare al reparto di pediatria dell'ospedale di Pescara, sette aste porta flebo colorate e decorate con personaggi dei cartoni animati

Quella compiuta oggi dai vigili di Montesilvano è senza dubbio la vittoria più bella messa a segno dalla squadra di calcio a cinque della municipalizzata. Grazie alla raccolta fondi ottenuta nel corso del torneo San Sebastiano, il gruppo sportivo della polizia locale ha potuto donare al reparto di pediatria dell'ospedale di Pescara, sette aste porta flebo colorate e decorate con personaggi dei cartoni animati.

Durante la manifestazione sportiva, alla quale hanno partecipato anche diverse rappresentative dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, sono stati raccolti 1.645 euro. Il gesto di solidarietà ha commosso il primario Prof. Giuliano Lombardi ed il Prefetto Gerardina Basilicata. L'agente Roberto Marzoli, allenatore della formazione di colleghi montesilvanesi ha dichiarato:

"Questi preziosi strumenti sono stati realizzati da un centro di riabilitazione di Cesena, che dà supporto ai ragazzi che hanno vissuto delle difficoltà e ora hanno bisogno di aiuto per reintegrarsi nella società"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per l'Abruzzo e il Pescarese: le previsioni e il bollettino

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Alla guida sotto effetto dell'alcol, fantasiosa giustificazione di un professionista pescarese: "Mi hanno messo pillola nel bicchiere"

  • Incidente ai Colli, perde il controllo dell'auto e si schianta contro fuoristrada facendolo ribaltare [FOTO]

  • Carica una prostituta e fa uno scontro frontale, lei finisce in ospedale

  • Virus cinese: le indicazioni del Ministero della Salute anti-coronavirus

Torna su
IlPescara è in caricamento