Rimborso per danni da grandine e maltempo, ecco come fare richiesta a Pescara

Numerosi case e attività commerciale del capoluogo adriatico hanno subìto danni a causa degli enormi chicci di grandine e per i fiumi d'acqua che hanno invaso strade e locali

È stato pubblicato questa mattina, venerdì 12 luglio, sul sito del Comune di Pescara, l'avviso pubblico per presentare domanda e documentazione per richiedere l'eventuale risarcimento dei danni subiti dopo la grandine e il nubifragio di mercoledì 10 luglio.
Numerosi case e attività commerciale del capoluogo adriatico hanno subìto danni a causa degli enormi chicci di grandine e per i fiumi d'acqua che hanno invaso strade e locali.

"Eventi meteorologici e alluvionali verificatisi nella giornata del 10 luglio 2019 sul territorio comunale di pescara: procedure di segnalazione/risarcimento danni". Questo il nome dell'avviso pubblico disponibile da oggi sul sito istituzionale dell'ente.

Come si legge nell'avviso pubblico, "Tutti coloro che hanno subito dei danni al patrimonio edilizio e alle attività economiche e produttive e al patrimonio pubblico conseguenti gli eventi di cui all’oggetto, possono presentare apposita istanza attraverso i moduli messi a disposizione sul portale dell’Ente (sito web: www.comune.pescara.it) oppure da ritirare direttamente presso gli Uffici dell’Urp del Comune di Pescara".

Questi gli altri dettagli:

  • Danni subiti dal patrimonio edilizio privato: la segnalazione deve essere prodotta utilizzando la Scheda B ‘Ricognizione del fabbisogno per il ripristino del patrimonio edilizio privato’. La segnalazione può essere effettuata dal proprietario, ovvero dal conduttore o dal beneficiario, laddove l’immobile sia detenuto con diverso titolo legittimo. In caso di parti comuni condominiali, la segnalazione è a cura dell’amministratore di condominio.
  • Danni subiti dalle attività economiche e produttive: la segnalazione deve essere prodotta utilizzando la Scheda C ‘Ricognizione del fabbisogno per le attività economiche e produttive’. La segnalazione deve essere effettuata dal rappresentante legale dell’impresa, indipendentemente che sia proprietario o conduttore o detentore ad altro titolo dell’immobile dove viene esercitata l’attività.
  • Danni subiti dalle autovetture/mezzi: si precisa che i danni subiti dalle autovetture/mezzi ad uso privato devono essere riportati nell'ultima pagina della scheda “B” al punto "Altro", mentre i danni subiti dalle autovetture/mezzi a uso aziendale devono essere riportati nell'ultima pagina della scheda “C” al punto "Altro". 

Le domande, complete della documentazione richiesta, dovranno essere presentate presso lo sportello del Protocollo Generale del Comune sito in P.zza Italia 1 (orari: 9:00-13:00 tutti i giorni e pomeriggio mar. e giov. 15:00-17:00) o tramite invio con posta elettronica certificata (pec: protocollo@pec.comune.pescara.it), entro e non oltre le ore 12 del giorno 20 luglio 2019 (salvo proroga). Le schede pervenute oltre i termini di scadenza saranno prese in carico con riserva.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tutti i dettagli basta cliccare QUESTO LINK collegandosi all'avviso pubblico del Comune di Pescara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Tragedia a Città Sant'Angelo, morta una bimba di 3 mesi e mezzo

  • Violenta rissa in via Rimini a Montesilvano con una ventina di persone coinvolte, 2 feriti [FOTO]

  • Sequestrate 10 auto nel parcheggio interno dell'aeroporto: l'assicurazione era scaduta

  • Titolare ubriaco di un locale della movida finisce nei guai: insulta e minaccia i poliziotti durante i controlli

  • Coronavirus Abruzzo: un solo nuovo caso, raddoppiano i pazienti in terapia intensiva

Torna su
IlPescara è in caricamento