Discarica di Bussi, la Regione chiede i danni e la bonifica del sito

La Regione Abruzzo si unisce al Ministero dell'Ambiente chiedendo un risarcimento di oltre mezzo miliardo di euro e la bonifica integrale in tempi rapidi dei siti inquinati

Anche la Regione Abruzzo si unisce al Ministero dell'Ambiente per la richiesta di risarcimento danni in sede civile e di bonifica del sito inquinato di Bussi. La causa risarcitoria è già stata avviata e prevede, da parte dell'ente regionale, una richiesta di oltre mezzo miliardo di euro, oltre all'avvio della bonifica ambientale in tempi brevi di tutti i siti inquinati dalla Edison Spa. Sono coinvolti i terreni e le acque di falda e superficiali dei fiumi Tirino e Pescara.

BUSSI, LA EDISON DOVRÀ AVVIARE LA BONIFICA

Il presidente Marsilio ha aggiunto che, visto l'esito del procedimento penale concluso con l'accertamento delle responsabilità anche senza condanne effettive, la Regione intende tutelare il territorio per il futuro:

“La Regione Abruzzo reagisce con forza per tutelare il futuro degli abitanti della zona della Val Pescara e di tutti coloro che vorranno visitare le bellezze naturalistiche della nostra regione. Il giudizio penale ha acclarato precise responsabilità ed è giusto e necessario che si provveda alla bonifica delle aree interessate”

Potrebbe interessarti

  • Kebab a Pescara: i kebbari migliori

  • Scutigera in casa: perché salvarla (e non ucciderla)?

  • È vero che il bicarbonato aiuta a dimagrire?

  • Pescara, topo appare all'improvviso in via Milano [FOTO]

I più letti della settimana

  • Pescara, trovato morto in casa dai genitori: dramma a San Silvestro

  • Tragedia ad Ortona: morti annegati due fratelli di Montesilvano - FOTO -

  • Niente Jova Beach Party a Pescara: arriva il no dello staff del cantante

  • San Valentino: muore per un malore durante il pranzo di Ferragosto

  • Pescara, gioco fra amici rischia di trasformarsi in tragedia: indagano i carabinieri

  • Città Sant'Angelo, bar trasformato in centrale dello spaccio: in manette il titolare

Torna su
IlPescara è in caricamento