Coronavirus, Parruti (ospedale Pescara) a La vita in diretta: "È una fiumana di ambulanze con pazienti in crisi respiratoria"

Fanno davvero impressione le parole dette poco fa da Giustino Parruti, direttore Uoc (unità operativa complessa) Malattie Infettive dell'ospedale di Pescara in diretta televisiva

«Stiamo ricevendo una fiumana di ambulanze con pazienti che mostrano difficiltà respiratorie». 
Fanno davvero impressione le parole dette poco fa da Giustino Parruti, direttore Uoc (unità operativa complessa) Malattie Infettive dell'ospedale di Pescara in diretta televisiva.

Parruti infatti, intervistato da Max Franceschelli, è stato in collegamento con il programma di Rai 1 "La vita in diretta" con in studio Lorella Cuccarini.

La trasmissione della televisione di Stato ha deciso di collegarsi in diretta con Pescara vista l'impennata di casi e conseguenti ricoveri per le persone contagiate da Covid-19 (Coronavirus).
Questo quanto detto da Parruti nello spiegare come la situazione sia molto seria nell'ospedale cittadino:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Stiamo ricevendo una fiumana di ambulanze con pazienti che mostrano difficiltà respiratorie. Come prima cosa abbiamo bisogno di quell'entusiasmo che stiamo riscoprendo, ieri mattina alle ore 7:45 tutto il personale dell'area medica era qui. A fronte delle notizie di un nuovo peggioramento sono venuti tutti qui a chiedere come dovessero aiutarci. Io non posso che ringraziare con tutta la forza che ho il personale che sta mostrando davvero una grande capacità di tenuta. Ma abbiamo bisogno di rinforzi naturalmente ci stiamo organizzando: mancano all'appello alcuni infermieri per i settori critici, alcuni medici ma stiamo cercando di reperirli, mancano almeno 5 o 6 ventilatori per poter aprire il terzo gruppo di attività rianimatoria che vorremmo inaugurare domani mattina visto che ormai abbiamo usato tutti i posti a nostra disposizione e il resto della sezione non è ancora ricettivo e poi abbiamo ancora bisogno di monitor multiparametrici perché abbiamo tanti pazienti che sono in una disfunzione respiratoria instabile a ciascuno dei quali vorremmo dedicare un monitor multiparametrico. E in questo momento dobbiamo spostarli da un paziente all'altro». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Tragedia a Città Sant'Angelo, morta una bimba di 3 mesi e mezzo

  • Febbo rassicura il settore dei giochi e scommesse: "Dalla conferenza Regioni è arrivato l'ok alla riapertura"

  • Titolare ubriaco di un locale della movida finisce nei guai: insulta e minaccia i poliziotti durante i controlli

Torna su
IlPescara è in caricamento