L'allarme dell'Aca che chiede di non sprecare acqua in questa emergenza da Coronavirus

A dirlo è l'Aca, l'azienda comprensoriale acquedottistica, che chiede di non sprecare acqua in questo periodo visto che i serbatoi si stanno svuotando in concomitanza con l'emergenza da Coronavirus

«È un momento di emergenza e siamo chiamati tutti ad azioni di responsabilità e anche di solidarietà».
A dirlo è l'Aca, l'azienda comprensoriale acquedottistica, che chiede di non sprecare acqua in questo periodo visto che i serbatoi si stanno svuotando in concomitanza con l'emergenza da Coronavirus.

L'Aca ha inoltre deciso di non interrompere l’erogazione di acqua potabile e del servizio di depurazione alle persone che non riescono a pagare le bollette «perché in questo momento lavarsi le mani, bere acqua buona e sanificare la casa, sono bisogni primari e misure importantissime per difendersi dal Covid-19. È bene ricordare che l’acqua del rubinetto è sana e sicura».

Ma l'azienda ricorda che «a causa delle scarse piogge invernali, i serbatoi di acqua sorgiva non si sono ricaricati come ogni anno ma a questa carenza Aca farà fronte attivando misure straordinarie di estrazione e interventi di riduzione delle perdite sulle reti, per garantire a tutti il fabbisogno».

«Aca deve dare il massimo», si legge in una nota dell'azienda, «fornendo acqua a tutti nel momento in cui è più necessaria del solito, anche ora che è disponibile in misura inferiore del solito, migliorando il funzionamento dei depuratori, lavorando comunque sul territorio per allacci e perdite, e lavorando da casa con i propri mezzi: chiediamo a tutti i cittadini di fare la propria parte. Per questo è necessario consumare l’acqua in maniera responsabile, non sprecarla per lavare macchine, strade o aree private esterne, non usare quantità enormi di detersivi e detergenti. E chiediamo a tutti di cercare di pagare le bollette (o, in caso di difficoltà, di accordarsi per un piano di rientro con i nostri operatori), perché solo grazie alle risorse economiche che recupereremo potremo continuare a dare il massimo, e garantire un servizio indispensabile in questi momenti così difficili».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre l'Aca chiede anche ai cittadini di evitare l'uso massivo di ipoclorito di sodio (varechina, etc.) per la sanificazione delle strade, come da Comunicazione del Sistema Nazionale per la protezione dell’Ambiente del 18 marzo, può creare problemi al funzionamento dei depuratori. E quindi l’invito che Aca rivolge anche ai cittadini è di evitare l’uso di questi prodotti per la pulizia dei piazzali. Il servizio di spedizione a mezzo posta delle bollette potrà subire dei rallentamenti a causa della limitazione ai trasporti e quindi le bollette, in occasione delle prossime scadenze, arriveranno per mail. Si invitano tutti i cittadini, e quindi anche quelli che non sono dotati di un indirizzo di posta elettronica, a fornire agli operatori dell’Aca, appena saranno contattati, un indirizzo mail (di un figlio, un nipote, un amico), al quale potranno essere inviate le bollette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Tragedia a Città Sant'Angelo, morta una bimba di 3 mesi e mezzo

  • Febbo rassicura il settore dei giochi e scommesse: "Dalla conferenza Regioni è arrivato l'ok alla riapertura"

  • Titolare ubriaco di un locale della movida finisce nei guai: insulta e minaccia i poliziotti durante i controlli

Torna su
IlPescara è in caricamento