Ciattè d'oro e Delfino d'oro 2019, i nomi dei premiati a Pescara

Le benemerenza, conferite alle personalità che si sono distinte nei diversi ambiti della cultura e del vivere civile, sono state consegnate nel corso di un consiglio comunale solenne

Come tradizione anche questa mattina, giovedì 10 ottobre, nel giorno della festa del patrono San Cetteo sono stati conferiti a Pescara i premi Ciattè D'oro e Delfino d'oro
Le benemerenza, conferite alle personalità che si sono distinte nei diversi ambiti della cultura e del vivere civile, sono state consegnate nel corso di un consiglio comunale solenne.

Dodici i nominativi indicati dalla commissione dei saggi formata da Domenico Cappuccilli, Michela De Amicis, Piergiorgio Landini, Claudio Palma, Luciana Vecchi, Gianfranco Visci e dal sindaco Carlo Masci, cui sono stati consegnati i Ciatté d’Oro (se pescaresi) e i Delfini per le personalità che vivono e operano fuori città.

La cerimonia, aperta dal Presidente del Consiglio Marcello Antonelli, è iniziata con l’esecuzione dell’Inno di Mameli affidato Elena Polidoro, allieva del Conservatorio L. D’Annunzio di Pescara.

Questo l'elenco dei premiati:

Delfino d’Oro 2019

  • Giulia Basel: artista teatrale, fondatrice del teatro Florian Metateatro;
  • Agostino Consoli: medico e docente universitario specializzato in endocrinologia e malattie metaboliche;
  • Giuseppe Mauro: economista, docente universitario dell’Ateneo G. d’Annunzio, saggista, analista e divulgatore delle informazioni sui mercati internazionali;
  • Remo Ruffini: fisico, docente universitario e direttore del Centro studi dell’International Center of Relativistic Astrophysic, che grazie alla sua lungimiranza ha trovato la sua sede nella città di Pescara e ha raggiunto fama internazionale.

Ciatté d'Oro 2019 alla memoria

  • Daniele Becci: imprenditore di solida esperienza professionale e Presidente della Camera di Commercio di Pescara;
  • Gabriella Bosco: amministratrice e prima donna sindaco di Pescara, dotata di profondo senso di umanità;
  • Walfrido Del Villano: docente e preside del Liceo Scientifico divenuto con lui eccellenza su scala nazionale per la qualità e la serietà dell’insegnamento;
  • Pasquale Pacilio: dipendente regionale e giornalista, protagonista competente dell’informazione regionale con le emittenti Telemare e Rete 8.

Ciatté d'Oro 2019

  • Ezio Barbi: maresciallo dell’Aeronautica Militare, simbolo dell’innovazione tecnica aeronavale;
  • Enea Cetrullo: artista poliedrico (scultore, pittore, incisore e ceramista), la cui arte è stata messa al servizio della collettività e del territorio, attraverso interventi solidali e di beneficenza;
  • Don Palmerino Di Sciascio: sacerdote e parrocco (per 56 anni) della Beata Vergine Maria del Rosario, al cui impegno si deve la costruzione della chiesa di via Cavour.
  • Vincenzo Marinelli: imprenditore di successo in ambito farmaceutico e a livello internazionale, dirigente sportivo che ha legato il suo nome a Pescara e alla Nazionale di calcio.

Di seguito le motivazioni che hanno portato all'assegnazione delle benemerenze:

Ezio Barbi

  • Il cuore rivolto al cielo per una carriera con le stellette tinta dell’azzurro dell’Aeronautica Militare. Specialista dell’evoluzione del motore a elica e del turbogetto, si è diviso tra l’insegnamento dei segreti e delle tecniche del volo e le consulenze manageriali, a riprova di una vocazione che va oltre l’attività professionale. Ha saputo coniugare la profonda esperienza maturata sul campo a uno slancio nei confronti dei giovani che lo hanno avuto come modello e come esempio, anche per il suo carattere aperto verso gli altri e verso il nuovo.

Daniele Becci

  • Partito da una solida e fortunata esperienza imprenditoriale nel settore edile ha saputo dare la sua impronta alla Camera di commercio di Pescara trasformandola in un laboratorio di idee e in un meccanismo di proiezione verso il futuro. Alla sua città d’adozione ha dato con entusiasmo un impulso a valorizzarne le risorse umane ed economiche, spendendo la sua autorevolezza e il suo impegno personale nel rilancio e nel superamento di ogni tipo di barriera nel segno dello sviluppo e della competitività.

Gabriella Bosco

  • È stata la prima donna a reggere le sorti di Palazzo di città in una fase delicata della nostra storia recente. Ha portato nella politica la preparazione, la competenza, il rigore, ma anche un profondo senso di umanità che le veniva dalla fede cristiana che ha sempre avuto come faro nelle sue esperienze di vita. Al suo indubbio carisma faceva da controcanto la ritrosia al protagonismo, preferendo l’impegno silenzioso ma concreto alle luci della ribalta, come nel volontariato al servizio degli ultimi.

Enea Cetrullo

  • L’arte in due e tre dimensioni ha in lui un interprete profondo e originale, dallo stile capace di raccontare in immagini ed emozioni. Un ruolo particolare nella sua ricca produzione di scultore, pittore, incisore e ceramista è rappresentato dal mare in tutte le sue declinazioni, superba e irresistibile espressione della Natura che viene riletta con felice intuizione e varietà di sfumature, come solo un artista di vaglia può fare. Nei suoi lavori rilucono anche gli aspetti dell’Abruzzo e dell’abruzzesità che ne fanno un interprete appassionato e apprezzato della sua terra.

Walfrido Del Villano

  • È stato come pochi capace di lasciare un segno nella missione educativa, sia per la scuola sia soprattutto per ragazzi e ragazze che l’hanno frequentata. Ha dato all’istituzione e all’istruzione un indirizzo tale da portare il Liceo Scientifico a eccellere su scala nazionale per la qualità e la serietà dell’insegnamento. Non a caso da quella fucina sono emersi talenti che si sono fatti valere in Italia e in Europa per preparazione e competitività. Ha saputo trasfondere nei giovani la cultura scientifica e i valori dell’umanesimo, oltre all’orgoglio dell’appartenenza, che ci fanno apprezzare ancor di più la sua opera di docente e di preside.

Don Palmerino Di Sciascio

  • Ha inteso il sacerdozio non solo come missione religiosa ma anche come condivisione della quotidianità con un’intera comunità alla quale non ha mai fatto mancare il conforto cristiano, la vicinanza, il senso di umanità, l’insegnamento ai bambini e agli studenti. Con la parola e con l’esempio ha saputo trasmettere i valori a diverse generazioni di pescaresi che nella Madonna del Rosario hanno visto e trovato molto più di un luogo fisico per la fede, perché ne ha fatto un autentico punto di riferimento per l’incontro, la socializzazione e la crescita.

Vincenzo Marinelli

  • Il lavoro e la passione nobilitati dal raggiungimento dei più alti traguardi. Un impegno coronato dall’affermazione come imprenditore di successo in ambito farmaceutico e a livello internazionale, e come dirigente sportivo che ha legato il suo nome a Pescara e alla Nazionale di calcio. Ha saputo applicare all’attività professionale e alla managerialità prestata per un trentennio ai colori azzurri il metodo, la concretezza, l’inventiva, nonché la capacità di conseguire i risultati più importanti attraverso la programmazione, la fissazione di obiettivi ambiziosi e le tappe per raggiungerli.

Pasquale Pacilio

  • È stato protagonista degli anni pionieristici delle televisioni libere, imponendosi ben presto come il volto più familiare dell’emittenza abruzzese. Da Telemare a Rete 8 ha saputo dare la sua impronta all’informazione, dalla cronaca alla politica, inaugurando la stagione delle maratone elettorali. È stato sempre in primo piano nel dibattito politico e nei salotti tv, ai quali ha prestato la sua competenza e la sua ironia, trasformando le tribune, con l’equilibrio del giornalista navigato, in occasione di esposizione, esplicazione e confronto di idee per raggiungere una vasta platea dell’opinione pubblica.

Giulia Basel

  • La sperimentazione a teatro che è diventata scuola e laboratorio di incubazione della passione per l’arte del recitare. Il suo Florian ha messo solide radici in città dove ha fatto ramificare numerose e lodevoli iniziative sulle espressioni contemporanee alle quali ha fornito sipario, palcoscenico, voce e corpo. Interprete raffinata che ha saputo intercettare i linguaggi della contemporaneità e le nuove forme di espressione, rinnovando ogni volta la magia del teatro e scrivendo una storia esaltante che è diventata anche una pagina importante della storia culturale di Pescara.

Agostino Consoli

  • Ha dato al giuramento di Ippocrite una prospettiva estensiva della deontologia e della conoscenza che fanno dello studio della medicina una missione per il progresso scientifico e il benessere dell’uomo. La ricerca lo ha portato a raggiungere importanti traguardi che ne hanno fatto un esponente di spicco nella difesa della salute e della dignità della persona, secondo un diversificato ma complementare impegno nella docenza universitaria e nell’attività ospedaliera, in particolare per quanto concerne l’endocrinologia e le malattie metaboliche. I suoi studi hanno contribuito su scala internazionale alla cura del diabete e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti.

Giuseppe Mauro

  • Le leggi e l’andamento dell’economia spiegati alla collettività, dalla cattedra universitaria alla produzione saggistica, passando dagli interventi in tv a quelli sui mezzi di informazione. Analisi e illustrazione delle oscillazioni dei mercati e dell’occupazione interpretando su piccola e grande scala i fenomeni e le manifestazioni della modernità. Un divulgatore puntuale e rigoroso che ha manifestato in più occasioni il forte legame con la città, un’attenzione al tessuto produttivo del territorio e le prospettive di crescita, con una riconosciuta competenza scientifica non disgiunta da un’assonanza partecipe degli eventi, degli effetti e delle opportunità.

Remo Ruffini

  • Ha portato Pescara al centro dell’universo e l’universo al centro di Pescara. La sua creatura, l’International Center of Relativistic Astrophysic, è la porta aperta sull’infinito da uno scienziato di fama internazionale che si è formato al Liceo intitolato a Gabriele d’Annunzio negli anni dell’adolescenza e che nella piena maturità ha ritrovato nel tessuto urbano tutte le caratteristiche e le condizioni favorevoli per fare della città un polo di eccellenza nella ricerca. L’inarrivato bagaglio di esperienza e di risultati lodati dalla comunità scientifica mondiale, è un ulteriore motivo d’orgoglio e di riconoscenza per chi, negli anni luce, ha saputo guardare sempre in alto, sempre avanti e sempre oltre.

Ezio Barbi

  • Il cuore rivolto al cielo per una carriera con le stellette tinta dell’azzurro dell’Aeronautica Militare. Specialista dell’evoluzione del motore a elica e del turbogetto, si è diviso tra l’insegnamento dei segreti e delle tecniche del volo e le consulenze manageriali, a riprova di una vocazione che è sempre andata oltre l’attività professionale, esprimendo passione, volontà e missione umana e personale. Ha saputo coniugare la profonda esperienza maturata sul campo a uno slancio nei confronti dei giovani che lo hanno avuto come modello e come esempio, anche per il suo carattere aperto verso gli altri e verso il nuovo, uomo proteso a trasmettere alle future generazioni il suo bagaglio di competenze e di conoscenze, simbolo di lungimiranza e di prospettiva, doti che lo hanno reso espressione e simbolo dell’innovazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara, brutto incidente tra auto e moto sulla riviera nord [FOTO]

  • Rissa a colpi di bottiglie in un bar di viale Europa

  • Pescara, completamente ubriaca tampona un'altra auto e si dà alla fuga: beccata dalla polizia

  • Uomo ritrovato morto in casa a Montesilvano

  • Incidente stradale a Caprara, nuovo schianto sulla Provinciale 23 [FOTO]

  • Confiscato a Montesilvano un appartamento di lusso [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento